“La ciclabile più corta del mondo”? A Milano ce ne sono almeno TRE che lottano per il PRIMATO

Dopo quella di via Sforza ecco altre che si avvicinano al suo primato

Ieri abbiamo pubblicato la notizia della ciclabile più corta del mondo all’inizio di via Francesco Sforza, compresa nel tracciato della Cerchia dei Navigli che si conclude in Corso Garibaldi. Subito siamo stati sommersi di segnalazioni: non è vero, ci sarebbero piste ciclabili perfino più corte. Tutte a Milano. Anche perchè a differenza di quella citata che è provvisoria, per i lavori della metropolitana, queste sono permanenti. Vediamo altre due che insidiano il primato di via Sforza. 

“La ciclabile più corta del mondo”? A Milano ce ne sono almeno TRE che lottano per il PRIMATO

# Ciclabile nella parte est, oltre il tracciato ferroviario nei pressi di Lambrate: 12 metri

Google Maps – Ciclabile di via Saccardo

Nel quadrante est della città c’è un altra corsia ciclabile da annoverare tra le più corte della città. Arrivando da via Bassini e passando sotto il sopraelevato ferroviario, nella svolta a destra si incrocia la ciclabile di Saccardo: si estende per 12 metri e dopo un attraversamento pedonale porta il ciclista direttamente contro le auto parcheggiate.


 

# La ciclabile di Piazza Camillo de Meis, una delle piazze piccole di Milano, sotto i 10 metri

Credits: Luca Ambrogio – Ciclabile via San Michele del Carso con via panizza e via Verga

Un’altra corsia ciclabile da record si trova nella zona tra Piazzale Baracca e Piazzale Aquileia, collega via San Michele del Carso con via panizza e via Verga. Per la precisione si trova in Piazza Camillo de Meis, forse una delle più piccole di Milano. La lunghezza del tratto compreso tra i due attraversamenti pedonali è poco oltre i 5 metri, si arriva a 9 metri contando dal cartello di inizio a quello di fine ciclabile. Considerando che questa è strutturale, forse merita il titolo di più corta del mondo. In attesa dell’ufficialità del Guinness dei Primati. 

 



Continua la lettura con: A Milano la CICLABILE più CORTA del MONDO: come una pedana per il salto in lungo

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

Spread the love
Articolo precedenteQuesto NON è Mont Saint-Michel
Articolo successivoil nuovo muro di Berlino
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.