Questo NON è Mont Saint-Michel

St. Michael's Mount: la copia incredibile e altrettanto straordinario della celebre meraviglia francese. Ecco dove si trova e il tesoro che racchiude: il cuore del gigante

Credits: @hmgsouthwest IG

Mont Saint-Michel è uno dei siti turistici più frequentati della Normandia. La sua particolarità? Si innalza su un isolotto roccioso ed è circondato da una bellissima baia, teatro delle più grandi maree dell’Europa continentale.

Abbiamo già scritto della piccola “Mont Saint-Michel” italiana a 2 ORE da MILANO, la sua “gemella piemontese” che, nelle giornate più nebbiose, sembra fluttuare nell’aria. Ma esiste un’altra sua copia, altrettanto magica e surreale. Vediamo dove si trova.


Questo NON è Mont Saint-Michel

# Esiste una copia dell’isolotto roccioso più famoso del mondo, teatro delle più grandi maree dell’Europa continentale

Credits: @igcornwall IG

Tutti conoscono Mont Saint-Michel, un isolotto roccioso situato sulla costa settentrionale della Francia e riconosciuto, insieme alla sua baia, patrimonio mondiale dell’Unesco. Ci si può arrivare con una navetta gratuita oppure attraverso un percorso pedonale, ma anche in un altro modo particolarissimo: con una navetta trainata da cavalli. Ciò che lo rende davvero unico è altro: a seconda delle maree, si può trasformare da isolotto a collina, e viceversa, creando uno dei panorami più spettacolari della Francia.

Ciò che non tutti i turisti sanno è che ne esiste una copia. Non come quella italiana, che si trova a quasi 1.000 metri d’altezza, ma incredibilmente somigliante.

# St. Michael’s Mount: il “cugino” inglese

Credits: @thesouthwest_uk IG

Non lontano, un’altra isola tidale, la cui banda sabbiosa viene ricoperta periodicamente dalle acque durante l’alta marea, potrebbe rubare la scena alla vera Mont Saint-Michel.



Si tratta del St. Michael’s Mount, situato nell’estremità occidentale della Cornovaglia, in Inghilterra. Un isolotto che, con la bassa marea, può essere raggiunto a piedi, altrimenti è assolutamente necessario prendere il traghetto che lo collega con la città di Marazion.

# Le apparizioni dell’Arcangelo Michele

Credits: @thetillfamily IG

Penserete che i due nomi sono troppo simili per due isole che tra loro sembrano non avere nessun legame. Eppure, entrambe sono dedicate all’Arcangelo Michele.

Infatti, si narra che nel 495, anche in Cornovaglia, l’Arcangelo sia apparso a dei pescatori. E così, un gruppo di Benedettini, provenienti proprio dal Mont Saint-Michel francese, edificarono anche qui un’abbazia in omaggio a San Michele, poi convertita nell’attuale fortezza dove rimangono solo refettorio e chiesa.

Ma perché l’Arcangelo avrebbe dovuto apparire agli uomini proprio in questi due luoghi? Perché rappresentano lo straordinario rapporto tra Dio e l’uomo. Con le maree che separano periodicamente le isole dalla terraferma, sembrerebbero proprio simboleggiare il bene e il male che avvicinano l’umanità a Dio e, poi, l’allontanano.

# La leggenda del gigante Cormoran e del suo cuore tra i sassi

Credits: @mikako_otherworld IG

Come molti luoghi della Cornovaglia, anche quest’isola nasconde una leggenda. Una di quelle che piacciono tanto ai bambini, legata ad un gigante e ad un cuore nascosto tra i sassi.

Si tratta della storia di Cormoran, un gigante che terrorizzava gli abitanti dell’isola rubando il loro bestiame. L’unico che si offrì di sfidare il gigante per riportare la pace fu un giovane ragazzo, Jack. Durante la notte, mentre il gigante dormiva, il ragazzo si avvicinò al monte e scavò una fossa profonda su uno dei lati del St. Michael’s Mount. Quando, la mattina dopo, suonò il corno per svegliare Cormoran, il gigante si arrabbiò e, correndo lungo il lato del monte, cadde nella fossa, morendo.

E, proprio sotto le mura del castello, si può osservare una piccola pietra a forma di cuore: si tratterebbe proprio del cuore del gigante.

# Non un semplice isolotto con un castello. St. Michael’s Mount ospita ancora i suoi abitanti

Credits: @stucornell IG

Ma che cosa potrete vedere una volta giunti qui? Sicuramente il castello, che si erge sulla sommità del monte e che, dal lontano XVII secolo, è abitato dalla famiglia St. Aubyn. Anche le sue stanze sono tutte da scoprire: dalla Sir John’s Room affacciata sul mare, alla biblioteca, alla Smoking Room. Insomma, tanti ambienti diversi che permettono di ricordare il passato e di ammirare le bellezze del presente.

Però, oggi, St. Michael’s Mount non è solo un’isolotto con un castello, ma un vero e proprio villaggio con anche un giardino recintato che contiene piante tropicali e dove i turisti possono trovare negozi, caffetterie e anche case tuttora abitate.

Ma, al di là di tutto, ciò che offre St. Michael’s Mount sono splendidi panorami naturali della Mount’s Bay. Ma anche un’atmosfera magica, di amicizia e di comunità, che unisce ancora le sue poche decine di abitanti, innamorati della loro terra.

Fonte: siviaggia.it

Continua la lettura con: L’ISOLA ITALIANA dove VIVONO solo gli SQUALI

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

Spread the love