Il PANETTONE sarà PATRIMONIO dell’umanità?

La Lombardia ha deciso di candidare il panettone come patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO

Credits: 'The Medieval Cookbook', M.Black

Il panettone è una forma d’arte che si tramanda da secoli. E per questo deve essere tutelato. Quale modo migliore se non attraverso un riconoscimento a livello mondiale?
Così, la Lombardia ha deciso di candidare il panettone come patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO.

Il PANETTONE sarà PATRIMONIO dell’umanità?

# “El Pan de Toni”: una tradizione italiana tramandata nei secoli

Credits: ‘The Medieval Cookbook’, M.Black

Il panettone è nato a Milano, dall’idea di un garzone di un fornaio. Pensate, dai lontani tempi di Ludovico il Moro, “El Pan de Toni” ha attraversato i secoli fino ad arrivare ad oggi. Al vero e proprio panettone, uno dei simboli del Made in Italy dolciario riconosciuto in tutto il mondo.


Una realtà che però deve essere protetta e tutelata.E così, dopo la Pizza Napoletana, è il turno dell’arte dei maestri pasticceri del Panettone.

# L’arte del panettone rappresenta Milano, la Lombardia e l’Italia e per questo deve essere valorizzata

Credits: www.dissapore.com

Infatti, il panettone sarà candidato per essere patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO.

Un annuncio effettuato durante la finale italiana della Coppa mondiale del panettone a Milano, organizzata in totale sicurezza il 20 febbraio a palazzo Bovara in corso Venezia.



Per l’assessore regionale all’Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi, Fabio Rolfi, il panettone “è un prodotto che rappresenta Milano, la Lombardia e l’Italia nel mondo. È il risultato di una forma d’arte che si tramanda da secoli e che è conservata e valorizzata dai nostri maestri pasticcieri che saranno ambasciatori straordinari di questa candidatura. Abbiamo già avviato interlocuzioni con le associazioni di categoria e con gli altri enti istituzionali. C’è unità di intenti per dare la giusta valorizzazione a un simbolo del nostro territorio. Il panettone è cultura e tradizione, ma anche economia. Crediamo che l’arte artigianale con cui viene realizzato meriti un riconoscimento mondiale”.

# Un riconoscimento mondiale per tutelare l’originalità e l’inimitabilità

Credits: www.filastrocche.it

Ed è quindi grazie alla collaborazione con Confcommercio e con l’associazione Maestro Martino che l’obiettivo di promuovere prodotti di eccellenza del territorio lombardo sta per diventare realtà.

Infatti, la candidatura a patrimonio immateriale dell’umanità ha lo scopo di promuovere nel mondo la specificità di un’antica testimonianza della panificazione pasticcera italiana, oltre che a volerne tutelare originalità e inimitabilità da parte di altri paesi.

# Paradossalmente, il più grande produttore di panettoni si trova in Brasile

Eppure, il più grande produttore di panettoni non si trova in Italia.

Infatti, si tratta del brasiliano Bauducco, con 6 fabbriche negli Stati Uniti per 200.000 tonnellate di prodotto l’anno. Ma non solo: anche il peruviano D’Onofrio ha fatto fortuna nella terra degli Inca producendo panettoni esportati in tutta l’America Latina.

Insomma, ci sono grandi preoccupazioni sul futuro dell’orgoglio dell’industria dolciaria italiana.

# Il mercato italiano dei panettoni è ancora florido, ma bisogna difendere la speciale tradizione artigianale della nostra pasticceria

Credits: www.italiaatavola.net

Però, il mercato italiano è ancora florido. Si fonda su ben 40.000 aziende che danno lavoro a 160.000 addetti, con un volume di affari che sfiora i 9 miliardi l’anno.

Quindi, è ovvia l’importanza del panettone italiano, un bene che deve essere difeso “dall’aggressione estera”. Non solo per tutelare le nostre aziende, ma anche per difendere quella che è la tradizione artigianale della grande pasticceria italiana.

E il riconoscimento mondiale servirà proprio a questo. A salvaguardare soprattutto l’anima più “genuina” che dà vita al panettone, che lo rende “unico ed inimitabile”.

Fonte: www.firstonline.info

Continua la lettura con: Il DOLCE più tipico di ogni regione del Nord Italia

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here