Dopo i cantieri M4 le PALME a SAN VITTORE

Ecco cosa prevede il progetto complessivo

Credits: Urbanfile - Palme in San Vittore

La scelta dei tecnici di M4 di piantumare alcuni filari di palme nel sagrato della Basilica di San Vittore al Corpo sta già sollevando polemiche. Ecco cosa prevede il progetto complessivo.

Dopo i cantieri M4 le PALME a SAN VITTORE

# Come le aiuole di Piazza del Duomo, anche sul sagrato della Basilica di San Vittore al Corpo ci saranno le palme: dubbi da entrambi gli schieramenti

Credits: Urbanfile / Direzione Quartieri e Municipi 

Tutti ricordano le polemiche per l’inserimento di palme e banani nelle aiuole di Piazza del Duomo come scomputo oneri previsti dalla trasformazione dell’ex Palazzo delle Poste di Cordusio nella “Starbucks Roastery”. Il progetto dell’aiuole è stato tra l’altro da poco rinnovato per altri tre anni. Nella riqualificazione complessiva dell’ambito Sant’Ambrogio-San Vittore, a seguito della conlcusione dei lavori di scavo della linea M4 è stata fatta la stessa scelta da parte dei tecnici della nuova metropolitana con l’inserimento di palme ad alto fusto sul grande sagrato dell’omonima basilica e l’ingresso del Museo della Scienza e Tecnologia in via San Vittore.


Da maggioranza e opposizione non mancano le perplessità. L’assessore Pd all’urbanistica del Municipio 1 si dimostrato perplesso: “Pur apprezzando e sostenendo la scelta di nuove piantumazioni nell’area non penso che si sposino alle caratteristiche architettoniche della piazza”. L’esponente di Forza Italia in Municipio 1 Federico Benassati esprime invece totale contrarietà alla scelta delle palme: “ben poco si sposano con il contesto urbano di Milano, come è già stato per piazza del Duomo“. Da Palazzo Marino, il capogruppo di Forza Italia Fabrizio De Pasquale parla di “fissazione inspiegabile della giunta per le palme”.

Leggi anche: Anche se non ci piacciono, W la città delle palme

# Nella riqualificazione del sagrato della chiesa ci saranno 30 palme e pietra di Luserna e cubetti in porfido per il rinnovo della pavimentazione

Sistemazione Piazza San Vittore

Nel progetto di riqualificazione del sagrato in San Vittore è prevista la piantumazione di 30 palme posizionate in cinque file da sei, tre filari sul lato di sinistra della chiesa di San Vittore al Corpo e due sul lato di destra. La piazza che fino ad oggi non ha visto alcun tipo di alberatura o vegetazione, vedrà anche il rinnovo della pavimentazione prevista con l’utilizzo della pietra di Luserna e cubetti in porfido posizionati in maniera regolare e non a ventaglio.



# Cambio della viabilità in via San Vittore: trasformata in parte a senso unico con una corsia ciclabile e marciapiedi allargati

Credits: Urbanfile

Il progetto cambierà anche la viabilità di tutta la zona. “Via San Vittore diventerà a senso unico di marcia in direzione bastioni fino a via de’ Togni, per residenti, mezzi pubblici e biciclette, con il doppio senso assicurato nell’ultimo tratto, da viale di Porta Vercellina solo per i mezzi di soccorso diretti all’ospedale San Giuseppe.” In aggiunta a questo verrà realizzata una corsia ciclabile in direzione opposta al senso di marcia verso il centro, lungo tutta la via. I marciapiedi verranno allargati e saranno ripristinate le alberature tranne che, purtroppo, nel tratto di via San Vittore che costeggia la vecchia Pusterla dove saranno riposizionate piante in numero ridotto rispetto alla situazione precedente gli scavi.

Fonte articolo: Urbanfile

Continua la lettura con: La M4 sarà la METRO più BELLA? Il nuovo BANDO e le STAZIONI ARTISTICHE che ci piacerebbe vedere a MILANO

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteIl Consiglio d’Europa: “il VACCINO NON può essere OBBLIGATORIO”
Articolo successivoLa fine dei dinosauri
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.