Da MILANO a GENOVA in TRENO in meno di un’ora: ci vuole qualcosa in più

Non basta il Terzo Valico. Per andare da Milano al mare in meno di un'ora servirà un'altra opera

0
Terzovalico.mit.gov - Terzo Valico

Un’infrastruttura attesa da tempo ma la data di fine lavori è stata ancora una volta posticipata. Per andare da Milano al mare in un’ora bisognerà attendere qualche anno in più. Ecco la situazione attuale.

Da MILANO a GENOVA in TRENO in meno di un’ora: ci vuole qualcosa in più

# Il punto sui cantieri del Terzo Valico e del nodo di Genova

Terzo valico

In occasione di una tavola rotonda a Palazzo San Giorgio sul “potenziamento in corso del trasporto ferroviario merci dei porti di Genova-Pra’-Savona-Vado Ligure”, come riportato da genova24.it, Luigi Ferraris amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato ha fatto il punto sui cantieri del Terzo Valico e del nodo di Genova.

Credits alcotec.spaIG – Galleria Terzo Valico

Per il primo i lavori sono state completati all’83%: sono stati conclus gli scavi delle quattro gallerie di accesso alla futura galleria di Valico (le “finestre”) e la galleria Campasso all’estremità sud del Terzo Valico. La riattivazione della linea del Campasso sono uno dei cantieri più importanti per il passaggio delle merci. Il 4 Dicembre 2022 è stato invece abbattuto il diaframma del binario dispari tra i cantieri di Polcevera e Cravasco della galleria di Valico consentendo il collegamento di circa 30 km di tunnel già scavati in entrambi i sensi di marcia sul versante Sud del progetto. Rimangono da realizzare poco più di 10 km della canna principale della galleria di valico che unirà la Liguria al Piemonte e il tratto di linea in galleria artificiale nel comune di Pozzolo Formigaro.

Credits stradeeautostrade.it – Cantiere nodo di Genova a Brignole

Per il secondo tutte le tre gallerie previste sono state scavate: la Nuova San Tomaso a binario singolo lunga 1.5 km, la Nuova Cristoforo Colombo lunga 1.4 km e la galleria Polcevera lunga 2.17 km. Come spiegato da Luigi Ferraris “sono in corso i lavori di realizzazione degli innesti con le interconnessioni del Terzo Valico, e a Genova Voltri è già stata realizzata la prima fase di potenziamento del fascio merci con la realizzazione di altri due nuovi binari per un totale di 6 binari e il raddoppio del binario di ingresso al terminal di Psa International”.

# I numeri e i benefici dell’infrastruttura

Terzo valico

Terzo Valico, Nodo ferroviario e scalo merci Campasso rientrano in un progetto unificato nel 2019 e del valore di quasi 7,4 miliardi di euro, con cui si intende dare un colpo di acceleratore alla nuova ferrovia tra Genova e la valle del Po. Prendendo in considerazione anche le ulteriori opere in sotterraneo, il progetto unico Terzo Valico dei Giovi – Nodo di Genova prevede la costruzione di 90,7 km di tunnel. La Galleria di Valico con i suoi 27 km sarà la galleria ferroviaria più lunga in Italia.

Lungo la rete ferroviaria del Terzo Valico dei Giovi transiteranno merci e persone a 250 chilometri orari, favorendo i collegamenti tra le regioni del Nord Italia e dell’Europa, si inserisce nel corridoio Reno-Alpi, uno degli assi della rete strategica transeuropea di trasporto (TEN-T core network). grazie al nodo di Genova verranno inoltre separati i flussi di traffico tra treni regionali e treni a lunga percorrenza, con una conseguente potenzialità di incremento dell’offerta dei treni regionali e metropolitani.

# Conclusione lavori nel 2025, apertura nel 2026

Credits terzovalico – Tracciato Terzo Valico

I lavori per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi sono iniziati nell’aprile 2012 e, dopo uno lungo stop a cui è seguito il commissariamento, a inizio settembre del 2020 è stato completato il cantiere principale. La conclusione dei cantieri è stata posticipata al periodo dicembre 2024-giugno 2025. Il nodo di Genova dovrebbe essere operativo da fine 2024, il collegamento verso Milano a marzo 2026.

# Il collegamento rapido con Milano solo dal 2028

Credits: RFI – Quadruplicamento Milano Pavia

Il 2026 non sarà però l’anno in cui verrò ridotto il tempo di percorrenza in treno da Genova Principe a Milano Rogoredo da 1h e 39 minuti attuali a 53 minuti. All’appello manca ancora, infatti, il quadruplicamento della linea tra Tortona e Milano, che permetteranno di separare anche i diversi flussi di traffico di convogli regionali, a lunga percorrenza e merci aumentando fino al 43% i treni viaggiatori e al 49% quelli merci.

I tratti interessanti dagli interventi sono quello tra Tortona e Voghera, tra Voghera e Pavia e tra Pavia e Milano Rogoredo. A questo va aggiunto l’aggiornamento delle infrastrutture e delle tecnologie funzionali al presidio della circolazione ferroviaria. L’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato ha spiegato come al momento sia in corso la gara d’appaltoper la prima fase del quadruplicamento tra Milano Rogoredo e Pavia, sulla tratta Milano-Pieve Emanuele” con l’obiettivo di concludere i lavori nel 2026 insieme a quelli di upgrading. Tra il 2027-2028 si prevede di concludere quelli del restante tracciato.

Leggi anche: Il MAXI TUNNEL che porterà MILANO al MARE in meno di un’ora: iniziato il conto alla rovescia

Fonte: genova24.it

Continua la lettura: MILANO- LONDRA in 5 ore e mezza in TRENO: diventerà realtà?

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteCi si mette anche LINUS: «A Milano i GIOVANI non riescono a VIVERE»
Articolo successivo🔴 ADDIO allo STORICO PLATANO di Giannasi (foto di Andrea Cherchi)
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.