Le principali OPPORTUNITÀ che può darti MILANO

In un mondo sempre più interconnesso e globalizzato, la nostra città può aprire migliaia di porte

Credits: @mi_tomorrow IG

Milano è da sempre stata il polo finanziario e centro multiculturale d’Italia, il luogo dove si sono tenuti i concerti storici più famosi, la sede della Borsa Italiana, la capitale mondiale della moda e una fra le capitali di svariati eventi. Tutto questo ha portato negli anni alla giusta convinzione che Milano sia la città adatta per self made men all’italiana, per giovani imprenditori, innovatori o artisti di varie discipline. Vediamo assieme quali possono essere le principali opportunità che offre il capoluogo lombardo.

Le principali OPPORTUNITÀ che può darti MILANO

# Aprire qualcosa di tuo

Imprese digitali, start-up, negozietti di provincia, street food, agenzie. Qui a Milano nasce e cresce tutto molto velocemente, come funghi in autunno dopo la pioggia. La burocrazia regionale è di gran lunga più veloce che nel resto d’Italia e il settore dei servizi offre ampi spazi cuscinetto a settori che possono essere complementari, se non proprio di supporto, all’idea di successo che hai sempre avuto in mente. Perché aspettare, quindi? Milano corre veloce come un centometrista, e per starne al passo occorrono gambe e ossa forti.


# Incontrare le persone giuste

Credits: alamy.it
stretta di mano

In un centro urbano multitasking e testimone di un melting pot per cui ci invidiano a molte latitudini, una persona con antenne puntate e spirito di iniziativa può certamente trovare sagge guide e pragmatici consiglieri per rifinire la propria mentalità, le proprie idee o (vedi sopra) l’idea di una start-up da avviare. Gli eventi a 360 gradi che si tengono a Milano sono il campo da gioco giusto per queste iniziative.

# Il settore digital

Credits: wired.it
Start up

La locuzione digital transformation (in italiano trasformazione digitale) indica un insieme di cambiamenti prevalentemente tecnologici, culturali, organizzativi, sociali, creativi e manageriali, associati con le applicazioni di tecnologia digitale, in tutti gli aspetti della società umana. Per proprietà transitiva e sommando tutti i fattori sopraelencati, è facile intuire quale sia il posto adatto in Italia perché tutto questo diventi reale. Come del resto avviene ormai da anni.

# Sei connesso con tutto

Credits: 7giorni.info
connesso con tutto

Direttamente collegato al punto precedente. Tanto per dirne una e senza neanche andar troppo lontano, Milano è stata la prima città in Italia a essere coperta dalla fibra ottica, alias la connessione internet più veloce attualmente esistente, al netto dell’avveniristico 178 terabit dell’University College of London (attualmente in fase di sperimentazione). L’anno era il lontano 2002: preistoria pura, se si pensa a quanto nel frattempo la città abbia fatto per migliorare in altri campi.



# Le migliori università

Credits: @christianbonalli
Università Bocconi

Per quanto concerne la formazione professionale, l’Italia gode di un ottimo schieramento da Nord a Sud e anche le università statali, oltre ad essere fra le prime al mondo (la prima in assoluto è l’Università Alma Mater studiorum di Bologna, fondata nel 1088, che anticipò di poco Oxford) sono un vanto del nostro Paese. Per quanto riguarda Milano, Politecnico, Bocconi e Cattolica guidano la classifica 2020 stilata dal Censis nelle categorie Politecnici e Grandi Atenei non statali, confermando l’importanza della nostra città nel panorama accademico del Belpaese.

# Più placement e nuove professioni

Se è vero che la fuga dei cervelli, e il conseguente tentativo di richiamo grazie a sgravi fiscali che stanno mettendo in pratica i recenti governi, è una testimonianza di quante eccellenze professionali abbiamo all’estero, resta comunque una larga parte di medici, ingegneri, economisti e professionisti vari che in Italia e soprattutto a Milano hanno trovato la realizzazione professionale, che molti hanno cercato altrove. Ivi comprese le nuove professioni nel settore digital.

# Internazionalizzazione

Credits:in-domus.it
campus Milano internazionale

Da sempre un punto fisso del nostro polo cittadino. Aprirsi al mondo, accogliere, innovare, sperimentare culture agli antipodi della nostra. I cartelli “non si affittano ai meridionali” di sessanta e passa anni or sono sono un ricordo bruciato come la testa di un cerino. Milano si è aperta al mondo come poche città, e continua a tenere la barra dritta sul progresso e su un futuro in costante crescita.

Queste sono solo alcune delle opportunità che Milano può offrire, sia ai milanesi stessi, che al resto degli italiani o agli stranieri trasferitisi o in procinto di trasferirsi qui. Quali altre chances intravedete, amici lettori? Ne abbiamo tralasciata qualcuna? Diteci la vostra.

Continua la lettura con: Cosa offre MILANO di MENO rispetto a BERLINO? Le 7 DEBOLEZZE indicate da chi si trova nella capitale tedesca

CARLO CHIODO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Elezioni Milano 2021, candidati sindaco e liste per le Comunali

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


Articolo precedente5 LUOGHI dove fare BAREFOOTING in Italia
Articolo successivoIn fuga dalla realtà
Nasco a marzo del 1981. Milanese moderno, ostinato e sognatore, alla costante ricerca di una direzione eclettica di vita. Laurea in Lingue e Comunicazione, sono appassionato di storia contemporanea, amante del cinema e del surf da onda. Dopo il romanzo d'esordio (Testa Vado Croce Rimango, 2016) ho pubblicato con Giovane Holden edizioni una silloge di racconti (Diario di Bordo, 2020).

1 COMMENTO

  1. Milano all avanguardia da tanti punti di vista, su cosa invece deve e pu ancora migliorare? E quali saranno le sfide del futuro per una citt che vuole continuare a essere al passo coi tempi?

Comments are closed.