5 LUOGHI dove fare BAREFOOTING in Italia

Dal Trentino Alto Adige alla Sardegna i percorsi per camminare a piedi nudi nella natura e ricaricarsi di energie positive

Credits emanuele_lion IG - Su Giudeu

State cercando delle esperienze in grado di farvi allentare le tensioni, ricaricarvi di energie positive e rendervi rilassati? Ecco 5 luoghi in Italia, dal Trentino Alto Adige alla Sardegna, dove poter camminare a piedi nudi a contatto con la natura.

5 LUOGHI dove fare BAREFOOTING in Italia

#1 A Senal-San Felice si può provare un’esperienza ricca di spiritualità

Credits armandobortolotti – Senale-San Felice

In provincia di Bolzano, a Senale-San Felice, c’è un luogo dove fare Barefooting è una esperienza essenziale, ricca di spiritualità lungo uno dei luoghi di pellegrinaggio più antichi dell’Alto Adige. Sono tre i percorsi:
– il sentiero Pilgerweg, su fondo ghiaioso, erboso e boschivo, che conduce al suggestivo Passo Palade; 
– un bosco di prato fresco che porta alla Malga Monte Luco;
– un percorso Kneipp, a contatto con l’acqua dei ruscelli, del lago e della Cascata di Tret.


 

#2 A Bressanone in un rifugio immerso nella natura

Credits sabino80c IG – Seehorf Nature Retreat

A Bressanone c’è un vero e proprio rifugio immerso nella natura, il Seehorf Nature Retreat. Si può camminare a piedi nudi, per rilassare corpo e mente, partendo da un morbido manto d’erba fino al lago privato della struttura dove immergere i piedi per una istantanea sensazione di benessere. Si prosegue poi verso il bosco dei pini rimanendo immersi nel silenzio ricolmato dai suoni della natura.

 



#3 Su Giudeu in Sardegna, una delle spiagge più belle d’Italia

Credits emanuele_lion IG – Su Giudeu

A Su Giudeu, a Chia in Sardegna, tra le spiagge più belle d’Italia nel 2018. Il luogo ideale per allentare le tensioni, ricaricare le energie positive, rilassarsi e anche riattivare e tonificare i muscoli delle gambe. Questo paradiso di sabbia bianca finissima e mare cristallino è collegato all’hotel Aquadulci da dove parte un breve sentiero caratterizzato da quattro tipologie diverse di terreno calpestabile: un giardino all’inglese, una passerella in legno, la sabbia e infine il mare. 

 

#4 Il Percorso Francescano per la Pace da Gubbio ad Assisi

Credits umbriain.it IG – Percorso Francescano

In Umbria il Percorso Francescano per la Pace, che collega Gubbio ad Assisi, è ricco di prati, ruscelli, sorgenti e boschi dove camminare a piedi nudi. Inoltre lungo l’itinerario viene costeggiato il Castello di Petroia, uno storico maniero medievale, trasformato in dimora di soggiorno dove sono stati recuperati i vecchi percorsi rurali con oltre 10 chilometri di camminate.

#5 Il Po Forest a Polesine Parmense

Credits salonedelcamper – Po Forest

Il Po Forest è un percorso magnifico alla scoperta dell’argine del Po, del suo bosco e della sua vegetazione realizzato nel 2018 a Polesine Parmense, in provincia di Parma. Si trova nell’Antica Corte Pallavicina, un castello del 1300 affacciato sulla Golena del Po. Ci vuole un’ora per percorrere tutto l’itinerario di due chilometri e mezzo tra la natura rigogliosa, ricca di coltivazioni, fauna e vegetazione spontanee. 

 

Fonte: SiViaggia

Continua la lettura con: Passeggiare tra TORRENTI e CASCATE: i 5 percorsi più BELLI e più FRESCHI della Lombardia

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Superbonus 110%, i numeri: vola la Lombardia con un miliardo di detrazioni. Sorpresa sud Italia

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.