La nuova MICRONAZIONE creata da un gruppo di ragazzi

Nasce il nuovo "Principato di Islanda": costa meno di un monolocale a Milano

credits: IG @nawaiwaqt

Mollare tutto e scappare su un’isola deserta, chi non l’ha mai desiderato mente. Tutti almeno una volta abbiamo puntato il dito a caso sul mappamondo e abbiamo fantasticato su come sarebbe partire e iniziare a vivere sul primo pezzo di terra in mezzo all’oceano. Ma si sa, nella vita di tutti i giorni, tra il dire e il fare c’è, per l’appunto, un intero mare. Eppure, c’è chi non si è accontentato di sognare e oltre a comprare un’isola ci ha fondato addirittura una nazione.

La nuova MICRONAZIONE creata da un gruppo di ragazzi

# Comprare un’isola potrebbe costare meno di un monolocale a Milano

isola Belize

Per chi conosce il mito dell’Isola delle Rose questa storia potrebbe ricordargli il sogno di quell’ingegnere bolognese che costruì un’isola artificiale e la trasformò in uno stato indipendente al lato delle acque territoriali italiane. Un sogno durato solo 55 giorni, ma non è così per Gareth Johnson e Marshall Mayer che, dopo aver fondato il progetto “Let’s buy an island” nel 2018, si sono accaparrati un’isola del Belize.


L’idea nasce da un viaggio in cui i due giovani si sono conosciuti. Entrambi appassionati di turismo, hanno iniziato a confrontarsi sul tema domandandosi quanto potesse costare acquistare un’isola. Approfondendo l’argomento, si sono resi conto che non sarebbe un sogno utopico e che effettivamente esistono parti del mondo in cui comprare un’isola è più che fattibile.

# Il nuovo principato di Islanda ai Caraibi

credits: IG @caneby

È così che, da semplici elucubrazioni, i due giovani passano all’azione danno vita ad una campagna di raccolta fondi riuscendo a racimolare ben 300.000 euro. Una cifra che a Milano permetterebbe, forse, di comprare un monolocale, mentre per soli 165.000 euro (escluse tasse) Gareth e Marshall sono riusciti a comprare Coffee Caye, un’isola caraibica a 15 chilometri dalla costa del Belize con una superficie di 40,469 chilometri quadrati. Una vera e propria oasi tropicale resa indipendente dal Regno Unito nel 1981 e che i due ragazzi hanno ribattezzato “Principato di Islanda” in onore del proprio Paese.

# Da un sogno a una vera e propria micronazione

credits: IG @nawaiwaqt

Un sogno divenuto realtà grazie al contributo di più di cento persone di categorie diverse e di 25 diversi stati che hanno creduto nel progetto. Grazie al crowdfunding sono riusciti a creare una vera e propria micronazione con l’idea di favorire il turismo della zona. Anche se ancora non è stata ufficialmente riconosciuta, l’isola possiede un proprio governo, una bandiera e addirittura un inno nazionale.



Che dire, Gareth e Marshall hanno sicuramente tutte le carte in regola per il successo, ora spetta a loro trasformare nella perfetta destinazione turistica questa nuova micronazione dispersa nell’oceano.

Continua la Lettura con: Come si diventa RE di un’ISOLA del REGNO UNITO

SARA FERRI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.