Il NOCETUM: da bosco di noci a borgo spirituale-naturalistico di Milano

Il borgo di epoca romana, tra reperti archeologici e accoglienza.

Nocetum
Nocetum

Nocetum è un piccolo borgo presente già in epoca romana alle porte del Parco Agricolo Sud, che deve il suo nome alla presenza di boschi di noci tipici della zona nell’antichità. Al suo interno ha una cascina, una chiesa e altri due edifici dedicati ad attività sociali e alla vendita di prodotti agricoli locali.

Un gruppo di suore laiche gestisce la cascina

Cascina di San Giacomo
Credit: valledeimonaci.org – Cascina di San Giacomo

La Cascina di Corte San Giacomo è gestita da un gruppo di suore e volontari laici che si occupano dell’accoglienza di famiglie bisognose e disagiate e della valorizzazione del territorio.  Qui è nata una City Farm che ha l’obiettivo di far scoprire il legame che unisce mondo rurale e urbano: sono presenti un’aia, un’arnia, un frutteto e un ortofrutteto.

Oltre a questo è presente un’area sperimentale e didattica dove le associazioni possono sviluppare i loro progetti e dove ad esempio è stata realizzata una serra-laboratorio con annessa centralina meteo.

La Chiesetta dei Santi Filippo e Giacomo

Chiesetta dei Santi Filippo e Giacomo
Credit: milanofotografo.it – Chiesetta dei Santi Filippo e Giacomo

La Chiesetta dei Santi Filippo e Giacomo è una piccola chiesa gestita dal Parroco di San Michele, costruita sulle fondamenta di una chiesa precedentemente realizzata in epoca romana come testimonia un’epigrafe funeraria del 536 murata in controfacciata.

Altra testimonianza sono i reperti archeologici quali le sepolture scoperte sotto al pavimento della chiesetta durante i lavori di restauro, almeno 76 persone, vissute durante un arco temporale  dall’alto medioevo al sedicesimo secolo. Per consentire al visitatore di osservarle è stata inserita una finestra nel pavimento.

Oltre ai resti umani sono stati recuperati vari gioielli e decorazioni tali da ipotizzare che la categoria sociale delle persone sepolte fosse medioalta.

FABIO MARCOMIN

Un ringraziamento speciale a Paolo Guido Bassi, Presidente del Municipio 4

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Stampato Milano Città Stato

eBook Milano Città Stato
Articolo precedenteBarbruto Live Music
Articolo successivoGreen is the new black: Milano sulle orme di NIMEGA, la città dei sogni
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.