I 15 PROVERBI più saggi del DIALETTO MILANESE

Il dialetto milanese è al passo con i tempi, pur essendo molto antico. E ciò che gli conferisce maggior valore sono i proverbi

Credits: @andreacherchi_foto IG

Per scoprire le origini del dialetto milanese bisogna andare indietro nel tempo, ma di molto. Infatti, le sue radici si fondano sul latino, ma non mancano le contaminazioni delle lingue celtiche ed indoeuropee. Tuttavia, è ancora molto usato e al passo con i tempi: tutt’oggi integra nuovi termini adattati ai giorni nostri.

Vi abbiamo già parlato delle parole del dialetto milanese intraducibili in italiano, di quelle più belle e anche dei segreti che rendono questo dialetto ancora più incredibile. Ma non dimentichiamoci i proverbi milanesi, pillole di saggezza che si tramandano di generazione in generazione.


Quali sono quelli di saggezza universale assolutamente da conoscere? Eccone 15.

I 15 PROVERBI più saggi del DIALETTO MILANESE

# 1 Se te se moeuvet mai spetta minga che te rusen

Credits: www.veronafedele.it

Se non ti muovi mai non aspettarti una spinta.

#2 I danè a fan daná, ma avei minga fan tribülà

Credits: @club_of_miljonairs IG

I soldi fanno dannare, ma non averne è peggio.



#3 Chi fa a sò moeud scampa des ann de pù

Credits: www.girodmedical.it

Chi fa quel che vuole campa dieci anni di più.

#4 Se te voeu fatt amà, fatt on por desiderà

Credits: lefreccedicupido.it

Se vuoi farti amare, fatti un po’ desiderare.

#5 Dal cantà se conós l’osèl, dal parlà se misüra ‘l servèl

Credits: @teseoarte IG

Dal canto si riconosce l’uccello, dal parlare si misura il cervello.

#6 Chi non s’engegna, fa la tegna

Credits: www.behance.net

Chi sta con le mani in mano, fa le ragnatele.

#7 A parlà pocch se falla mai

Credits: it.mashable.com

A parlare poco non si sbaglia mai.

#8 La malerba l’è quèla che cress püssee

Credits: @mrmilbury IG

L’erba cattiva non muore mai.

#9 Basta minga avegh i daneè, ma ancà savè spend

Credits: www.ultimenotizieflash.com

Non basta avere i soldi, bisogna saperli spendere.

#10 A sto mond che voeur di bon amis

Credits: lamenteemeravigliosa.it

A questo mondo servono buoni amici.

#11 Se te resta el coeur me quell d’on fioeu, te saree on grand òmm

Credits: salvodellaira.com

È un grande uomo colui che non perde il suo cuore di bambino.

#12 No gh’è pesg che vè ss lì tra el sì e el nò

Credits: www.rivoluzione-liberale.it

Non c’è niente di peggio che essere tra il sì e il no.

#13 La belezza di donn l’è in di oeucc di òmen

Credits: www.pinterest.it

La bellezza delle donne è negli occhi degli uomini.

#14 El fioeu tropp carezzaa l’e’ mal levaa

Credits: www.trevisotoday.it

Il figlio troppo coccolato è mal allevato.

#15 Se fa pusseè fadiga a tasè che a parlà

Credits: www.tragicomico.it

Si fa più fatica a tacere che a parlare.

Fonte: www.milanopocket.it, aforisticamente.com

Continua la lettura con: Alessandro Manzoni voleva rendere lingua nazionale il DIALETTO MILANESE

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.