La sfida di GRECO: portare nel futuro il passato di Milano

QUARTIERE SOSPESO tra passato e futuro

A pochi passi (o a poche fermate di 43) dai nuovissimi grattacieli di Porta Nuova sorge quello che anticamente era un comune autonomo, ovvero il quartiere Greco.

quartiere sospeso tra passato e futuro
La Chiesa di San Martino (oggi e nei primi del 900)

In questa area di Milano convivono costruzioni di ultima generazione e vecchie costruzioni, alcune delle quali risalenti ai primi del 1900 quali ad esempio lo stabile sito al civico 5.


un quartiere sospeso

 

Mentre il resto della città sembra correre ad una velocità sempre crescente, in questa piccola area a est della metropoli permangono ancora angoli e realtà che la rendono più simile ad un paese a se’ stante. L’incantevole angolo dove il naviglio Martesana culmina il suo percorso esterno per transitare poi al di sotto del manto stradale sembra appartenere ad un borgo campestre. Un tempo e storicamente sede del bar “Martesana”, ospita ora una birreria frequentata da un pubblico che comprende trasversalmente più fasce di età.


quartiere tra passato e futuroIl ritmo serrato di crescita a cui corre la metropoli sta coinvolgendo lentamente anche quest’area della città; numerosi cantieri stanno costruendo abitazioni di ultima generazione, cedendo quindi anche quest’aera alla cementificazione sempre crescente che sta coinvolgendo la nostra metropoli.

La peculiarità del quartiere risiede nella contraddizione insita tra le vie, tra palazzi vecchi e nuovi. Nel tentativo di resistere all’avanzata dell’urbanizzazione permangono piccole botteghe nelle quali è ancora possibile respirare l’aria di una volta, come lo storico macellaio della piazza o la piccola gelateria Meloni nella quale è possibile degustare uno dei gelati migliori della città.

quartiere tra passato e futuroIl primo tratto della pista ciclabile lungo la Martesana costituisce la linea di demarcazione, il confine naturale del quartiere e in questo tratto la frenesia della città è udibile solo in lontananza. Risalendo sul ponte pedonale di via Rimembranze di Greco e percorrendo a piedi pochi metri sta prendendo piede un nuovo “borgo nel borgo”, ovvero un complesso residenziale di ultima generazione, perfettamente integrato nel contesto urbano. Nei prossimi mesi sorgerà una piazza nuova dove in origine era collocata la più antica cascina di Greco.


Le vestigia del passato visibili all’osservatore più attento testimoniano che, nonostante il tempo scorra, il quartiere Greco sembra conservare una volontà di rimanere ancorato ad un tempo remoto, in antitesi alla rappresentazione della moderna metropoli che si sviluppa sempre più verticalmente.

È questa l’anima di Greco, un ponte tra presente, passato e futuro.

 

VALERIA CAPPONI

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


Articolo precedenteLa scritta misteriosa di via San Vito: LEPONZIO, chi era costui?
Articolo successivoCarlo Cattaneo DISPREZZAVA i Savoia
Valeria Capponi
Sono nata a Milano nel 1978, ho vissuto 3 anni a Bruxelles dove ho frequentato la scuola europea. Mi sono laureata nel 2003 allo Iulm di Milano in relazioni pubbliche e ho lavorato per quattro banche internazionali che mi hanno consentito di maturare alcune esperienze all'estero. Parallelamente ho svolto per molti anni servizio come volontaria in ambulanza per una croce milanese. Sono attualmente impiegata in BNL, ho tre bambine e abito a Milano (zona est). Della mia città amo il dinamismo, la molteplicità di servizi e il suo essere in costante mutamento; la vorrei più verde, meno inquinata e più sicura.