District Ranking: i 7 QUARTIERI di MILANO dove si vive MEGLIO

Abbiamo chiesto su Facebook quali fossero le zone di Milano in cui si vive meglio. Quali zone hanno ricevuto più likes e commenti? Ecco la top 7

Credits: @dearmilano_it IG

Abbiamo chiesto sulla pagina Facebook di Milano Città Stato quale fosse il quartiere di Milano in cui si vive meglio e i risultati sono stati sorprendenti. Ecco la top 7 delle zone che, secondo i nostri lettori, sono quelle che permettono una qualità di vita migliore.

District Ranking: i 7 QUARTIERI di MILANO dove si vive MEGLIO

#7 Savona – Solari, il distretto della creatività

via savona 18. Credits: @megliounpostobello (INSTG)

Una piccola città nella città con ancora i negozi al dettaglio come una volta, servizi di ogni genere. E poi in arrivo la nuova M4, piena di locali e ristoranti/locali/lounge bar per svago. Un punto di riferimento per la creatività della città, in attesa di tornare il fulcro del Fuorisalone e degli eventi cittadini. Al settimo posto per numero di like e commenti. 


#6 Navigli: il fascino evergreen della Milano Doc

credits: juzaphoto.com

Una delle zone più amate da turisti e dagli universitari, un’icona inconfondibile di Milano. Forse un po’ penalizzata da Covid e dagli allarmi movida, resta comunque nei cuori dei milanesi con il suo spirito giovane e improntato al divertimento. “Io i navigli li adoro. Ma io sono single e amo il movimento”, sintetizza Tiziano. Al sesto posto tra le preferenze. 

#5 Isola: da quartiere malfamato ad area supertrendy

foto andrea cherchi
foto andrea cherchi

Era un quartiere malfamato, infestato dalla Ligera, oggi è a ridosso del cuore pulsante della città, la city di Porta Nuova. Ricco di locali, centro d’arte e di nuove tendenze che, anche se vicino all’area della finanza, mantiene le caratteristiche tipiche del borgo. 

Leggi anche: l’Isola



#4 Città Studi: la zona degli universitari per eccellenza, ma non solo

credit: visiteguidatemilano.it

Al quarto posto della classifica con più likes e commenti, si colloca il quartiere Città Studi. Moltissimi dei nostri lettori hanno difeso con orgoglio il proprio quartiere, trovandoci però anche una piccola pecca: i parcheggi. Definita come una zona “Stracollegata a qualsiasi cosa, tranquilla, piena di negozi, supermercati e servizi”, Città Studi è la zona degli universitari per eccellenza a Milano. E nonostante tutte le vicessitudini che ne hanno messo a rischio la tranquillità rimane una delle zone storiche più amate dai suoi abitanti, sia quelli di lunga data e sia quelli più recenti.

#3 Paolo Sarpi- Sempione: tra Chinatown e la piccola Parigi

chinatown milano
Foto dal capodanno cinese a Milano

In grande ascesa lo spicchio che va da Paolo Sarpi a corso Sempione. Il quartiere di Paolo Sarpi, anche conosciuto come la Chinatown milanese, è definito dai nostri lettori come quello più “internazionale”Oltre ad essere un ottimo prodotto della globalizzazione, Sarpi è apprezzato per la sua vivacità. A quanto dicono i suoi abitanti i suoi “negozi sono sempre aperti”, anche grazie alla presenza sempre maggiore di giovani e coppie. Un quartiere che sa essere tradizionale con le sue antiche botteghe milanesi e allo stesso tempo moderno tra etnicità e uno stile di vita frizzante. Anche l’area circostante che arriva fino al Parco Sempione sta guadagnando sempre più i favori dei milanesi, con i locali di Procaccini e Piero della Francesca e la possibilità di disporre dell’arteria di Corso Sempione per andare in centro oppure uscire rapidamente dalla città. 

#2 Porta Romana: tra la vitalità del centro e la tranquillità residenziale

credit: https://www.expedia.it/

La Porta Romana è una delle sei porte principali della città ed è caratterizzata dall’arco monumentale voluto da Filippo III di Spagna. L’arco, che risale al 1596, è il simbolo del quartiere che oggi rappresenta molto di più del semplice ingresso cittadino. Vivere a Porta romana offre l’opportunità di stare in pieno centro ma con la tranquillità di una zona residenziale. Relax, svago e vasti spazi verdi sono solo alcune degli aspetti che rendono così particolare e amata questa zona di Milano che ha ricevuto un gran numero di like e apprezzamenti.

#1 Wagner- De Angeli: l’eleganza rionale

quartieri più straniAl primo posto della classifica con una certa sorpresa abbiamo la zona di Wagner, che ha ricevuto il maggior numero di likes e altri commenti. La zona è indubbiamente un elegante quartiere borghese che presenta però anche le caratteristiche di un rione commerciale. Probabilmente è questo connubio di signorilità e comodità rionale è quello che fa amare tanto questo quartiere. Tra tutte le attività spicca il suo famoso mercato comunale, infatti il mercato di Wagner fu costruito nel 1929 ed è oggi il più antico di tutta la città. Forse per l’affermazione del quartiere giova la vicinanza di CityLife, altra area sempre più in ascesa. 

# E la Periferia: vince Chiaravalle

La top 7 presenta tutte aree semicentrali, poste a ridosso del centro. Per quanto riguarda le zone al di fuori della circonvallazioni quali sono risultate le più segnalate e votate? Al primo posto è risultata Chiaravalle, definita “modello della città del futuro. Essere al centro stando al bordo. Centro eccentrico”. Al secondo posto Lambrate. Preferenze anche per Bicocca, Bovisa, Baggio e la Barona. 

Leggi anche: I 5 QUARTIERI più BELLI di Milano

ROSITA GIULIANO

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte        

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)        

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.