7 posizioni ERETICHE fuori dal Covid

«Il coronavirus si può curare in 48 ore» «C'è stata una manipolazione su questo virus» «Il lockdown è una risposta sbagliata» «Ritenersi esperti di coronavirus dopo soli 2/3 mesi è un atto fuori luogo» «E' tutto un imbroglio»

“Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all’uomo, non servirà all’uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l’uomo.” (Giordano Bruno).

7 posizioni ERETICHE fuori dal Covid

#1 Dr. Rashid Buttar: «E’ tutto un imbroglio»

Come una influenza curata nel peggiore dei modi possibili può essere utile come pandemia per introdurre vaccini e controllo sociale.

#2 Dr. Giulio Tarro: «C’è la terapia: il coronavirus si può curare in 48 ore»

“Mi sto battendo per la sieroterapia che è la cosa più naturale di questo mondo. E funziona! Ci sono studi e interventi che lo dimostrano ampiamente”.
Cioè?
“Cioè curarsi con gli anticorpi dei guariti. Si iniettano nei pazienti, anche quelli attaccati al respiratore o in situazioni gravi, 200 ml di plasma, e non ci sono problemi di incompatibilità, e le persone si salvano. In 48 ore non c’è più il virus”.

#3 Dr. Stefano Manera: «Ritenersi esperti di coronavirus dopo soli 2/3 mesi è un atto fuori luogo»

“Oggi è già possibile instaurare una terapia domiciliare, ci si può curare tranquillamente a casa, quindi, il lockdown diventa inutile”
“A Bergamo la maggior parte dei positivi al Covid19 aveva uno stato infiammatorio preesistente estremamente elevato: cioè la maggior parte era in sovrappeso o obesa,  piuttosto che ipertesa oppure con una tendenza al diabete mellito”
Avere la presunzione di ritenersi esperti di coronavirus dopo soli 2/3 mesi è un atto fuori luogo, non è possibile sapere ancora se questo virus determini immunità, abbiamo un virus che è in grado di mutare velocemente, e per tanto riuscire a identificare un vaccino in grado di determinare immunità su un virus che muta, appare un’ impresa molto complicata

Leggi anche: #Fuoridalcoro: alla fine dal Covid-19 si può guarire da casa

#4 Prof. Johan Giesecke: «Il lockdown è una risposta sbagliata»

“Dovremmo attendere almeno un anno per misurare il numero dei decessi comparandoli tra i diversi paesi. Il lockdown è una risposta sbagliata perchè quando apri il lockdown avrai più morti dei paesi che non lo hanno applicato. Funzionerebbe solo se si tenesse le persone chiuse in casa per sempre ma questo è impossibile in una libera democrazia”.

“Le persone non sono stupide. Se tu dici a loro cosa è meglio per loro e per il resto della popolazione, loro seguiranno i tuoi consigli. Non servono leggi, non serve la polizia nelle strade.” (Video)

#5 Prof. Ben Israel: «Ogni ciclo epidemico dura 70 giorni, poi il virus scompare»

Il professore afferma che, analizzando i dati di tutti i Paesi coinvolti dalla pandemia, è possibile trovare delle analogie nell’andamento dell’epidemia. In un’intervista rilasciata a Channel12, ha sottolineato come il virus raggiunga il picco di contagio entro 4/6 settimane per poi cominciare una fase discendente che si concluderebbe intorno all’ottava/nona settimana, sviluppandosi nell’arco di 70 giorni. La diffusione del SARS-CoV-2 si dovrebbe esaurire in 70 giorni, indipendentemente dalle misure restrittive adottate per contrastarlo.

#6 Dr. Ann Vossen: «Bisogna accettare il fatto che il virus continui a diffondersi tra la popolazione»

“I bambini si infettano a vicenda e a malapena sviluppano sintomi seri. I bambini potrebbero infettare un papà o una mamma, nella speranza che anche i loro sintomi siano lievi, soprattutto se non fanno parte di categorie a rischio”.

“Sarebbe auspicabile tenere in una specie di bozzolo quelle persone che si possono considerare a rischio o che possono ammalarsi gravemente. Il miglior scenario possibile sarebbe che queste persone potessero in qualche modo aspettare di essere contagiate finchè non sarà disponibile un vaccino”

#7 Prof. Luc Montagnier: «C’è stata una manipolazione su questo virus»

A un modello di coronavirus preso da un pipistello sono state inserite sequenze del virus HIV per cercare di realizzare un vaccino contro l’AIDS. Qualcosa deve essere andato storto.

ANDREA ZOPPOLATO

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Caro lettore, il sito Milano Città Stato è gestito da Vivaio, associazione no profit. Per assicurare contenuti di qualità tutti i collaboratori lavorano senza sosta. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, se ci leggi spesso e se condividi il nostro intento di contribuire a una Milano (e un’Italia) che sia sempre migliore, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci, in particolare in questo momento così delicato. Grazie!

 

 

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


close

I nostri articoli sono interessanti?

Da adesso puoi ricevere in email i nuovi articoli di Milano Città Stato... scegli tu la frequenza!

Facendo click sul bottone "Iscriviti" accetti di ricevere via email le newsletter di Milano Città Stato. I tuoi dati saranno trattati in conformità alla normativa GDPR (link privacy)

1 COMMENTO

  1. Le definite “Posizioni eretiche” quando in realtà alcune delle tesi esposte nell’articolo sono vere e proprie castronerie in salsa di bufala già ampiamente sbugiardate dalla comunità scientifica.
    Associare poi anche solo lontanamente la figura di Giordano Bruno, martire eretico, a Luc Montaigner lo trovo davvero inappropriato e inopportuno.

    Per approfondire:
    https://www.butac.it/primato-nazionale-montagnier-e-il-sars-cov-2/

Comments are closed.