🔴 BREAKING NEWS. Nel programma di governo si punta su Roma, di Milano nessuna traccia

Gira in rete la prima bozza di programma del prossimo governo giallo-rosso che conta al momento 26 punti

Circola in rete la prima bozza del programma del nuovo governo giallo rosso costituito da 26 punti. C’è Roma, non Milano.

Il programma di governo

La bozza del programma di governo che sta circolando in queste ore conta 26 punti che affrontano temi quali:

  • Green New Deal
  • Immigrazione
  • Politiche fiscali (salario minimo)
  • Legge di bilancio
  • Dissesto idrogeologico
  • Conflitto d’interessi
  • Giustizia
  • Lotta a mafia e evasione fiscale
  • Concessioni autostradali
  • Autonomia differenziata
  • Aiuti a Roma

Proprio l’ultimo punto recita “Il Governo dovrà collaborare per rendere Roma una capitale sempre più attraente per i visitatori e sempre più vivibile e sostenibile per i residenti.”

In continuità con il decreto Salva-Roma anche il prossimo governo ha delineato tra i punti di maggior rilevanza a livello programmatico la necessità di mettere nelle migliori condizioni la capitale, immaginiamo attraverso maggiori poteri e risorse.

Milano ignorata (un altro segnale preoccupante)

Di Milano non c’è traccia. Nonostante sia la realtà che produce oltre il 10% del PIL nazionale e che non solo rappresenta la punta di diamante dell’Italia sui mercati internazionali e un un brand riconosciuto nel mondo in ambito business, moda, finanza etc.. ma soprattutto è la sede delle Olimpiadi Invernali del 2026 pur in assenza di impegni economici da parte dello Stato. Ma niente, nessun riferimenti neppure alle Olimpiadi.

Cerchiamo di capire quali potrebbero essere le motivazioni di questa impostazione nella stesura del programma anche in funzione di comprendere in anticipo le linee della guida dell’attività del governo.

#1 Il primo motivo dell’importanza data a Roma può essere quello di parte politica. Non è un mistero la rilevanza per il Movimento 5 Stelle della capitale da loro gestita con la sindaca Raggi. Però sorprende che Milano non riesca a guadagnare una maggiore rilevanza nemmeno con il PD nella compagine governativa e che spesso ha citato Milano come massima espressione di modello virtuoso. Se fosse così, speriamo che il sindaco Sala si faccia valere.

#2 Il secondo motivo potrebbe essere invece di impostazione. Potrebbe essere un segno di continuità con una lunga tradizione di governi che privilegiano l’assistenzialismo, come aiuto automatico a chi è in difficoltà svincolandolo da ogni responsabilità, senza premiare in alcun modo chi invece eccelle e contribuisce al miglioramento di tutto il Paese.

Non si tratta solo di avere più autonomia, più risorse, più competenze: per rinforzare in modo autentico il Paese, si deve introdurre un modello di mentalità differente che favorisca i più virtuosi premiandoli con una maggiore autonomia e che intervenga su chi svolge male i propri compiti inducendoli a replicare le best-pratice dei migliori, senza assegnare fondi e poteri in eccesso a chi è incapace di gestirli.

Meno Stato, più Città

Malgrado quello che traspare dal programma, è proprio questo il punto. L’Italia ha urgenza di una nuova politica, che riparta dalle città con un ritorno alla polis: ha bisogno di governare il cambiamento dal basso, mettendo nelle condizioni le città che stanno già facendo qualcosa di positivo di esprimere al massimo il proprio potenziale e diffondere il modello vincente a chi è in affanno.
Ridare il potere a chi ha un impatto diretto sui cittadini è il primo passo per uscire da questa crisi di sistema a livello economico, culturale e sociale, che l’Italia sta subendo giorno dopo giorno in modo sempre più preoccupante.

FABIO MARCOMIN

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul#Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

 

 

 

Stampato Milano Città Stato

eBook Milano Città Stato
Articolo precedenteTodd Terje DJ Set
Articolo successivoDebutto del DIARIO DI BORDO dell’avventura di Milano città stato
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.