Una CANZONE per te: ogni QUARTIERE di Milano ha la sua MUSICA INTERNAZIONALE

Le canzoni che dipingono l'anima di Milano: i videoclip

0

Milano è una città che ispira, emoziona e fa vibrare. Ogni quartiere ha la sua anima, le sue caratteristiche, le sue storie. E la musica è un modo per raccontarne e per celebrare l’energia e la vitalità di questa città. In questo articolo, ti proponiamo una lista di canzoni internazionali che possono rappresentare alcuni dei quartieri più iconici di Milano.

Una CANZONE per te: ogni QUARTIERE di Milano ha la sua MUSICA INTERNAZIONALE

# Brera: “La Vie En Rose” – Edith Piaf

Brera è uno dei quartieri più affascinanti di Milano, grazie alla sua atmosfera bohémien e romantica che richiama la Francia degli anni ’40. In passato era definita la Pigalle milanese:La Vie En Rose” di Edith Piaf, una delle più famose canzoni francesi di tutti i tempi, è perfetta per rappresentare la poesia e il romanticismo di questo quartiere. La canzone parla dell’amore che rende tutto rosa, malgrado le difficoltà dei tempi. Un po’ come Brera che nei periodi di vacche grasse o di vacche magre rappresenta sempre un’isola felice. 
Inoltre, molti locali del quartiere offrono spettacoli di musica dal vivo, creando un’atmosfera simile a quella dei cabaret parigini in cui la Piaf si esibiva. Se sei amante della musica e della cultura francese, una passeggiata tra le vie di Brera, ascoltando “La Vie En Rose”, potrebbe essere l’esperienza perfetta per te.

Leggi anche: Quando Brera era la Pigalle italiana

# Navigli: “Under the Bridge” – Red Hot Chili Peppers

I Navigli sono famosi per i loro canali, i loro ponti e i loro locali alla moda. “Under the Bridge” dei Red Hot Chili Peppers, canzone iconica degli anni ’90, è perfetta per rappresentare il mood alternativo, artistico e rock della zona.
La canzone parla della solitudine e dell’alienazione, ma anche della speranza e della bellezza che si possono trovare anche nei luoghi più inaspettati. Proprio come la sensazione di libertà e di scoperta che si può provare passeggiando lungo i canali di Milano. Sognando al tramonto la California. 

Leggi anche: Cosa vedere lungo i Navigli

# Porta Venezia: “Freedom” di George Michael

Porta Venezia è un quartiere multiculturale e vivace, dove si mescolano stili diversi e dove c’è spazio per l’arte, la moda e la musica. “Freedom” di George Michael, un brano pubblicato nel 1990, parla della libertà di esprimere se stessi e di seguire i propri sogni, e riflette perfettamente lo spirito di Porta Venezia, un quartiere noto per la sua apertura mentale e la sua vivacità. Il quartiere arcobaleno di Milano. 

Leggi anche: 7 chicche di via Melzo, il quartiere arcobaleno di Milano

# Porta Romana: “Stairway to Heaven” dei Led Zeppelin

Quartiere storico e prestigioso, con le sue ville signorili e i suoi parchi, una delle zone più prestigiose di Milano.
“Stairway to Heaven” è una canzone che parla di speranza e di un viaggio verso la felicità, e il quartiere di Porta Romana rappresenta perfettamente questa ricerca di bellezza e perfezione. Il testo della canzone si sposa perfettamente con l’atmosfera sofisticata e ricca di arte e cultura di questo quartiere milanese molto amato dalla borghesia alternativa e dalle vecchie pop star di Milano. 

Leggi anche: Porta Romana bella: 10 motivi per amare il quartiere della dolce vita di Milano

# San Siro: “We Are the Champions” dei Queen

Il quartiere di San Siro è da sempre associato allo sport, in particolare al calcio. Qui si trova infatti lo stadio Giuseppe Meazza, noto come San Siro, uno dei più importanti impianti sportivi del mondo. Ed è proprio per questa ragione che la canzone “We Are the Champions” dei Queen: la canzone parla della vittoria e del trionfo, ed è perfetta per rappresentare l’atmosfera di festa e di celebrazione che si vive nello stadio di San Siro. Dove non c’è spazio per i losers. 

Leggi anche: la rivoluzione di San Siro: i progetti che trasformeranno il quartiere

# Isola: ” No Sleep Till Brooklyn” dei Beastie Boys

Il quartiere Isola di Milano è spesso associato alla cultura hip hop e alla musica urban. La zona, infatti, è stata in passato un’area industriale in cui si sono sviluppati i primi movimenti hip hop italiani. Oggi, l’Isola è una zona vivace e multiculturale, famosa per le sue attività artistiche e creative. La musica e la cultura hip hop, in particolare, sono ancora ben presenti nell’area, con locali notturni e festival che celebrano la musica rap, il breakdance e il writing. La canzone “No Sleep Till Brooklyn” dei Beastie Boys, ambientata a New York, parla di una città che non dorme mai, dove la musica e la cultura sono presenti ovunque e in ogni momento. Il ritmo rapido e incalzante della canzone si adatta perfettamente alla vivacità e all’energia dell’Isola.

Leggi anche: L’Isola che c’è a Milano: il quartiere diventato mito

Continua a leggere: 🔴 Il nuovo URBAN PARK, la cittadella di sport e musica: inaugurazione prima dell’estate

ALESSANDRO VIDALI

opyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteTORRE TIRRENA, il palazzo di Milano che ha ispirato le TORRI GEMELLE di New York
Articolo successivoI MIGLIORI RISTORANTI di PESCE di Milano
Alessandro Vidali
Originario di Verona, ha abitato anche a Trento e Cork (Irlanda) prima di arrivare a Milano, dove ha messo radici da ormai 15 anni. Quarantenne in continua ricerca di stimoli. "Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare".