Tra mito e realtà: in SICILIA il borgo dove le CASE costano 1 EURO

Nel borgo del Labirinto di Arianna le case costano come un caffè

Credits: borghiautenticiditalia.it Castel di Lucio

Il sogno di chi vorrebbe una casa in luoghi incantevoli, lontani dallo stress della città, sta per avverarsi. E soprattutto…al costo di un caffè! Il tutto può diventare realtà in uno splendido borgo storico della Sicilia, in provincia di Messina, a Castel di Lucio. Un piccolo paese di circa 1.200 anime che, per ridare nuova vita alle case del centro storico, ormai in stato di abbandono, ha aderito alla campagna di vendita “case a 1 € a Castel di Lucio”.

Tra mito e realtà: in SICILIA il borgo dove le CASE costano 1 EURO

# Un progetto rivolto a tutti: turisti e non solo

Credits: borghiautenticiditalia.it
Castel di Lucio

Il progetto si rivolge sia a chi cerca una casa definitiva, ad esempio ai pensionati che vogliono ritirarsi dopo le fatiche di una vita in un luogo rilassante e immerso nella natura sicula, sia a chi cerca una dimora temporanea per le vacanze. Alla prima categoria citata, il Comune può offrire agevolazioni fiscali oltre a vari servizi, per far diventare parte integrante della comunità i nuovi cittadini. Inoltre, sono sempre apprezzati progetti che prevedono la creazione di luoghi con finalità ricettive (ad esempio alberghi e B&B). Idee che potrebbe avere degli ottimi ritorni economici, dal momento che Castidduzzo, come viene chiamato il borgo, è sempre stata meta visitata da tantissimi turisti.

# Il borgo del mito del labirinto di Arianna e il Minotauro

Credits: justpost.info
Labirinto di Arianna

Sono molte le attrazioni che offre il piccolo paese. La più importante è il Labirinto di Arianna, una location dove si respira mitologia e fascino, costruito negli anni ’80. Il posto ideale per chi ha voglia di “perdersi spiritualmente”. Come anticipato, però, le meraviglie del luogo sono tante. Essendo un borgo del 1200, i visitatori possono ammirare il castello normanno con annesso paesaggio, dal momento che si trova a circa 700 mt di altitudine, a metà strada tra il Parco dei Nebrodi e delle Madonie. E non dimentichiamoci delle bellissime chiese con al loro interno importanti opere d’arte ed i conventi francescani.

# Il Labirinto: vivere il mito

Quando si raggiunge il labirinto, sulla cima di una collina, quello che si staglia davanti è un’apparente “serpentina in cemento”. Guardandola con attenzione e ammirandola in lontananza, si capisce che è invece perfettamente integrato con il paesaggio circostante. L’entrata del labirinto è una grande “fessura” (un’ogiva) alta e stretta e una volta superata ci si addentra in un percorso a spirale. Impossibile perdersi: non ci sono biforcazioni al suo interno, basta seguire la serpentina che conduce fino al centro del labirinto, avvolgendosi su sé stessa.

# Un viaggio interiore: un labirinto speciale

Credits: sharryland.it
Labirinto

Già la forma, dentro la quale non ci si perde mai, ma ci si ritrova sempre, è un controsenso. Visitare il Labirinto non è la semplice visita turistica, è una viaggio dentro sé stessi, proprio come la spirale della struttura. Non serve perdersi fisicamente per ritrovare noi stessi; a volte sono i ritmi frenetici e stressanti di vita, la città caotica, i dispiaceri che ci fanno perdere la direzione e ci fanno allontanare da quella che vorremmo o dovremmo seguire.

Il vero senso del cammino all’interno del labirinto lo si comprende raggiungendo l’uscita della spirale, alla fine, quando si avverte una leggera discesa e dove un ulivo attende il viaggiatore. A cielo aperto, fuori dalle pareti di calcestruzzo: un ritorno alla natura davanti al simbolo di pace e di ritorno alla vita.

# Qualche curiosità sul Labirinto di Castidduzzo

Il Labirinto di Arianna rientra tra le opere d’arte del progetto artistico Fiumara d’Arte ed è riconosciuto come scultura. È stato realizzato dall’artista Italo Lanfredini dopo aver vinto un bando indetto dall’ideatore proprio del suddetto progetto artistico, Antonio Presti. Il progetto nasce nel 1987, quando Lanfredini, visitando il luogo, fu ispirato dalle stradine labirintiche di Castel di Lucio e dalle aree archeologiche locali, dove c’è un forte richiamo alla Grecia. Il mix fra queste caratteristiche ha dato vita, un anno più tardi, alla scultura.

Continua la lettura: Liguria: vanno a ruba le CASE a UN EURO nel BORGO delle STREGHE

ANGELA CALABRESE

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl BORGO DELL’APOCALISSE: vive senza tecnologia
Articolo successivoLA SPEZIA porto di Milano? 5 RAGIONI per realizzare una UNIONE da PRIMATO
Nasco a Milano nel 1979, lavoro in una multiservizi e ho avuto esperienza in un'agenzia di comunicazione, iniziata come impiegata fino a diventare copywriter dove scrivevo per un web magazine. Da bambina sognavo di scrivere libri perché ho da sempre la passione per la scrittura. Amo la musica e l'arte in generale. Nelle mia vene scorre sangue siculo-lucano ma il mio cuore nasce e vive da sempre a Milano. La città che amo, quella che se non sai cosa fare, ti dà sempre l'idea giusta. La città delle opportunità, il perfetto mix tra fascino antico e moderno.