La “Piccola Toscana vicino a Milano”: inglesi innamorati dell’OLTREPÒ PAVESE. Queste cose lo rendono unico al mondo 

"Una piccola Toscana vicino a Milano"

credits: @renzocavagliotti

A pochi chilometri da Milano si trova una perla spesso sottovalutata come meta turistica, ma che non è passata inosservata agli occhi inglesi. Sul The Guardian si parla dell’Oltrepò Pavese, la regione a solo un’ora dalla City è una delle località suggerite per una vacanza immersa nella natura.

La “Piccola Toscana vicino a Milano”: inglesi innamorati dell’OLTREPÒ PAVESE. Queste cose lo rendono unico al mondo 

# Gli inglesi alla scoperta dell’Italia nascosta

credits: @boscolonghino

Si sa, “l’erba del vicino è sempre più verde” e molto spesso si guarda sempre all’estero senza rendersi conto delle bellezze che si trovano nei dintorni della propria città. A dimostrare che il proverbio non vale solo per gli italiani è un articolo sul The Guardian. Il celebre quotidiano britannico sembra essersi accorto del potenziale turistico di una zona sottovalutata dagli italiani e nella sua rubrica “Hidden Italy” suggerisce di far visita all’Oltrepò Pavese.


# Una piccola toscana vicino a Milano

credits: @roertamastretta

Questa zona, a meno di un’ora da Milano, è una delle località che ha incuriosito gli autori della guida che nel loro articolo descrivono come “una piccola toscana” sconosciuta e suggeriscono dove soggiornare e cosa fare fuori dai sentieri più battuti.

Gli inglesi sembrano aver particolarmente apprezzato le colline verdi e dorate dell’Oltrepò Pavese. Il suo paesaggio suggestivo, con distese di vigneti e villaggi medievali ricchi di castelli maestosi sembra essere la destinazione perfetta per una vacanza fuori dal turismo di massa.

# Le bellezze della provincia di Pavia

credits: @marco_brbs

Tra i luoghi consigliati dal The Guardian c’è Voghera, di cui viene anche citata la celeberrima casalinga. Da non perdersi sono il Duomo di San Lorenzo, il castello Visconteo e la chiesa rossa dedicata ai Santi Flavio e Giorgio. Non mancano poi i riferimenti a quella che viene chiamata “la vera gioia” della regione, ovvero le sue dolci colline punteggiate da borghi come Fortunago e Costa Cavalieri. Il territorio è ricco anche di fortezze, e d’obbligo è una visita al Castello Dal Verme, non lontano da Zavattarello in provincia di Pavia.



# Una vacanza gastronomica

Credits: @maralattuada
Vino San Colombano

Ma quando ci si trova in Italia l’aspetto culinario non si può di certo trascurare e nell’Oltrepò Pavese il protagonista indiscusso è il vino. Questa regione è infatti una delle prime zone a livello mondiale per la produzione del Pinot Nero. Tra le sue colline si possono trovare numerose cantine che offrono degustazioni guidate dove poter deliziare il palato assaggiando anche Riesling, Barbera, Sangue di Giuda, Bonarda, Croatina e Moscato. Ma anche la cucina locale non è meno ricca e per accompagnare un calice di buon vino si può scegliere tra svariate specialità come il salame di Varzi, il pane di Stradella, il Miccone (un panino fritto), la torta di Mandorla e la Formaggella di Menconico.

# A soli 40 minuti da Milano

credits: @renzocavagliotti

Insomma, gli inglesi si sono innamorati dell’Oltrepò Pavese e prima che flotte di turisti lo invadano forse conviene prendere la macchina e scoprire noi stessi questa “Hidden Italy” a 40 minuti da Milano.

Continua la Lettura con: Le ANTICHE BELLEZZE dell’OLTREPÒ: i 5 CASTELLI da non perdere

SARA FERRI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteCome si dice CAPOLISTA a Milano?
Articolo successivoIn vendita l’ISOLA SELVAGGIA che costa meno di un MONOLOCALE a Milano
Laureanda in scienze psicosociali della comunicazione all’università Milano-Bicocca. Nutro da sempre un forte interesse per la psicologia, la filosofia e tutto ciò che riguarda la società. Sento il bisogno costante di comunicare, di scoprire nuove realtà e sono alla continua ricerca della bellezza collaterale. Per questo cerco di sperimentare ogni forma di espressione artistica, suono il basso in una band e amo viaggiare. Credo nella continua evoluzione e nel cambiamento e spero un giorno di poter contribuire a migliorare la vita delle persone anche attraverso la scrittura.