Non solo italiano: ecco 5 LINGUE MINORITARIE diffuse in ITALIA

In Italia non si parla solo italiano, ma quali sono le altre lingue? E come si sono diffuse nei nostri territori?

Credit: sardiniapost.it

In Italia non si parla solo italiano, ma quali sono le altre lingue? E come si sono diffuse nei nostri territori?

Non solo italiano: ecco 5 LINGUE MINORITARIE diffuse in ITALIA

 
Il nostro Paese, pur linguisticamente unito dalla lingua italiana, è popolato da numerose lingue minori oltre ad una moltitudini di dialetti che hanno in sé una infinita varietà di sfaccettature. Alcuni dei dialetti sono assimilabili a lingue vere e proprie ma ormai influenzati da una evoluzione che li ha portati a perdere molti dei loro tratti caratterizzanti. Discorso diverso per alcuni ceppi linguistici che stanno sopravvivendo mantenendo una struttura ben diversa dall’italiano e che hanno origini lontane.

#1 Il sardo

Credit: sardiniapost.it

«Il sardo è una lingua insulare per eccellenza: è allo stesso tempo la più arcaica e la più distinta nel gruppo delle lingue romanze.» (Rebecca Posner, John N. Green)

Da non confondersi con il ceppo catalano presente nella zona di Alghero, il sardo affonda le sue origini tra alcune influenze neolatine e deve essere considerata autonoma dai sistemi dialettali di area italica, gallica e ispanica e pertanto classificata come idioma a sé stante, erede della civiltà nuragica e che trova nel nuorese la sua forma più spiccata.


Al nord della Sardegna la lingua subisce influenze toscane e corse, dovute alle dominazioni e alle immigrazioni subite nei secoli passati.

Dal 1997 la legge regionale riconosce alla lingua sarda pari dignità rispetto all’italiano.

#2 Il ladino

Credit: giornaletrentino.it

Presente in alcune enclavi della zona nord orientale dell’Italia, in Alto Adige, Friuli, Veneto, e differente tra zona e zona, il ladino è frutto di un insieme di culture presenti secoli fa nell’arco alpino orientale, tra la Svizzera e la Slovenia. Proprio la Slovenia porta nei caratteri distintivi della sua lingua alcuni suoni e molti vocaboli presenti nel ladino.



#3 L’occitano

Credit: storianet.blogspot.com

Partendo dalla Francia atlantica arrivando alla parte occidentale del Piemonte questa lingua che foneticamente ricorda molto il francese come il piemontese ma soprattutto il catalano, ha difficoltà nel trovare un riconoscimento ufficiale, specie oltralpe dove trova la più vasta comunità che conosce e parla la lingua conosciuta come lingua d’oc, parente quindi di quella d’oil parlata al nord della Francia. Tecnicamente l’occitano è una lingua occitano-romanza ed è quella più utilizzata dai famosi poeti trovatori per la sua musicalità dei suoni.

#4 Lingua arbëreshe

Credit: Cityxscape

E’ l’antico albanese, arrivato in Italia dopo una una sorta migrazione avutasi a causa delle dominazioni sul territorio tirrenico. Dalle famiglie allora migrate si sono formate delle comunità, spesso non comunicanti tra loro, che hanno mantenuto la parte predominante della loro tradizione e cultura compresa la lingua. L’utilizzo degli idiomi albanesi è stato tramandato fino ai giorni nostri al punto che in alcune province italiane, in particolare in Calabria, è stata riconosciuta l’identità linguistica.

#5 Il walser

Credit: courmayeur News

I dialetti walser sono una evoluzione del sottogruppo alemanno del tedesco. Sicuramente risalenti al XIII secolo, il walser arrivò in Italia grazie a condizioni climatiche favorevoli alla migrazione di persone che arrivarono nell’odierna Italia passando attraverso valichi alpini diventati poi impraticabili a seguito della “piccola glaciazione” del VI secolo. La stanzialità di una popolazione di origine germanica, specie in zone disabitate, portò allo sviluppo di comunità che nei secoli hanno mantenuto le loro tradizioni, specie linguistiche. Oggi i dialetti walser, con tutte le variazioni avvenute nel tempo, sono presenti in valle d’Aosta e Piemonte. Gressoney, Alagna Valsesia e Macugaga sono alcuni dei comuni dove il walser è ancora diffusamente parlato.

Leggi anche: Il nome è uno SCIOGLILINGUA: uno dei BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA a 2 ore da Milano

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteVIAGGIO ai CARAIBI restando in EUROPA
Articolo successivoLa baia di PORTONOVO è la terra di PIRATI e LEGGENDE
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.