La baia di PORTONOVO è la terra di PIRATI e LEGGENDE

Nelle Marche, un meraviglioso lembo di terra si affaccia su mare cristallino. E, tutto ciò, nasconde anche leggende del passato sui pirati

Credits: @massispinelli IG

Portonovo si trova affacciata sul mare Adriatico e, per anni, è stata meta di numerosi navigatori. Nonostante ora sia un luogo turistico rinomato, protetto dall’abbraccio del Monte Conero, in passato è stata interessata da scorribande e storie curiose.

La baia di PORTONOVO è la terra di PIRATI e LEGGENDE

# Storie di pirati e tesori

Credits: photowall.com

La baia di Portonovo ha una particolarità che la rendeva unica. Dopo l’avvenimento di una frana preistorica, vennero a formarsi alcuni bacini naturali di acqua potabile. Ciò rese più facile la vita nei dintorni, contribuendo a formare numerosi insediamenti abitati. Il centro più popoloso, che corrisponde all’attuale Poggio, era anche ricco di cibo e i pirati della zona lo sapevano bene. Quando questi ultimi avevano bisogno di scorte, spesso si lanciavano in saccheggi su tutte le case della zona ed era necessario trovare un modo per mettersi al sicuro. Gli abitanti, quindi, scavarono delle gallerie sotterranee sotto le proprie abitazioni come vie di fuga di emergenza. Ancora oggi, se si visita Poggio, è possibile esplorare questi cunicoli.

È risaputo, però, che sono spesso coinvolti dei tesori quando si parla di pirati. Ebbene, in una spiaggia nascosta e isolata dal resto, che prende il nome di “Due Sorelle”, sembra nascondersi un prezioso segreto. Raggiunta la spiaggia, si può entrare nella cosiddetta “Grotta degli Schiavi”, una cava molto profonda creata artificialmente. Le voci narrano che, in fondo ad essa, ci sia il deposito del tesoro dei pirati, con oggetti dal valore inestimabile celati in un luogo quasi inaccessibile.

# Altre curiosità su strategie e pellicole

Credits: picclick.it

Un’altra curiosità legata alla difesa contro le navi ostili riguarda le torri di avvistamento. In particolare, dalla Torre di Portonovo, un guardiano era sempre all’erta mentre scrutava l’orizzonte. Nel caso in cui fosse avvistata un’imbarcazione nemica in avvicinamento, il guardiano aveva a disposizione una schiera di piccioni viaggiatori in grado di raggiungere Ancona in poco tempo per mandare una richiesta di aiuto. In questo modo, era possibile richiamare rinforzi per tentare di allontanare gli ospiti poco graditi.

Infine, Portonovo è stato scelto come set per un film intitolato “Le prigioniere dell’isola del diavolo”. Non a caso, questa pellicola del 1962, diretta da Domenico Paoella, tratta del tema della pirateria. Una storia di prigionia, intrighi, ma anche di amore che trae vantaggio dai bellissimi paesaggi offerti dalla baia per commemorarne parte della sua storia. Inoltre, nel film furono assunte numerose ragazze di Poggio come comparse, come simbolo della loro origine.

Fonte: anconatoday.it

Continua a leggere con: I PIRATI della Martesana

MATTEO GUARDABASSI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.