La classifica delle 10 APP più USATE in Italia quest’anno

Ecco quelle hanno riscosso più successo...in una di queste c'è anche una piacevole sorpresa

Credits: mnfst.medium.com

La pandemia e il distanziamento sociale ha accelerato la necessità di connettersi con altre persone online e di usufruire di servizi sempre più rapidamente. Ecco quelle hanno riscosso più successo…in una di queste c’è anche una piacevole sorpresa: ci siamo anche noi!

La CLASSIFICA delle 10 APP più USATE in Italia quest’anno

#10 Venmo, per i pagamenti digitali istantanei a amici e negozianti

Credits: digitalclic.it

Negli Usa, dove i contanti sono usati meno rispetto all’Italia, è ormai diventato di moda dire: “ti faccio un venmo” quando si vuole inviare un pagamento online a un amico o a un esercente. Anche nel nostro Paese però, questa app realizzata da Paypal, sta prendendo piede e con l’arrivo del cashback è probabile che applicazioni di fintech come questa diventino si diffondano sempre di più.


#9 A-Live, per assistere a eventi e concerti live in attesa della riapertura di palazzetti e stadi

Credits: digitalclic.it

I concerti dal vivo sono off-limits durante la pandemia, ma gli artisti italiani si sono fatti trovare pronti con la piattaforma A-Live. Sul sito e nell’app è possibile assistere a eventi live, concerti ed esibizioni che promettono di intrattenere chi non sa stare senza musica.

#8 Netflix, per vedere i migliori film in streaming

Credits: geekechic.com

Rimanere a casa, per via delle restrizioni imposte dal governo per la gestione dell’emergenza Covid, ci ha consentito di avere molto più tempo per guardare la televisione. Netflix è la piattaforma che più di tutte ci ha offerto la possibilità di scegliere tra un ampio catalogo di film in prima visione, serie tv e pellicole di successo del passato.

#7 Zoom: per didattica a distanza e riunioni di lavoro o famiglia

Credits: zoom.us

Gli incontri con più partecipanti ora possono essere fatti solo online: didattica a distanza, riunioni di lavoro e anche ritrovi in famiglia. Per questo app come Zoom sono diventate indispensabili. Il programma pioniere in questo campo fu Skype, ma ora fra Zoom, Google Meets e Microsoft Teams si ha solo l’imbarazzo della scelta.



#6 TikTok: la prima scelta tra gli adolescenti

Credits: mnfst.medium.com

Gli adolescenti pare non abbiano dubbi: l’app dell’anno è TikTok e il numero di download in costante aumento, anche in Italia, non può che confermare il successo dell’applicazione di ByteDance. E il legame con i balletti sembra destinato a diminuire: ora su TikTok ci sono anche lezioni e tutorial.

#5 Waze, segnala i percorsi senza traffico in base agli utenti in strada

Credits: googleplay.it

Il navigatore una volta non esisteva, eppure oggi saremmo persi senza averlo in tasca. Ora la tecnologia si è voluta e basta un’app di mappe sul telefono: meglio che sia come Waze, disponibile anche per le strade italiane, che segnala percorsi alternativi senza traffico grazie a un algoritmo basato sul numero di auto presenti in strada.

#4 Vsco, per chi ama la fotografia ma preferisce stare lontano da Instagram

Credits: tapsmart.com

Instagram è passato da essere un’app per gli amanti della fotografia a territorio di influencer dalle dubbie qualità. Allora chi ama le macchine fotografiche, anche quelle degli smartphone, può divertirsi con Vsco che unisce filtri professionali a un’interfaccia pulita e semplice.

#3 Duolingo, l’app per imparare velocemente le lingue straniere

Credits: moneyinc.com

Avete bisogno di imparare le lingue velocemente e divertendovi? Allora non c’è niente meglio di Duolingo: l’app del gufetto verde è un must per chi vuole studiare una lingua straniera e cimentarsi con culture diverse. Un metodo di insegnamento veloce e un’interfaccia colorata aiutano nello studio.

#2 Twitch, la tv online per fare streaming in diretta e chattare con gli spettatori. 

Credits: hdblog.it

Videogiochi, ma non solo: Twitch, il portale di Amazon che permette di fare streaming in diretta e chattare con gli spettatori, si è dotato di un’app funzionale che promette di diventare un altro social network amato dai teenager. Vedremo se riuscirà ad allargare ancora il suo bacino d’utenza.

#1 Flipboard, un aggregatore di notizie di qualità. Tra i magazine c’è anche Milano Città Stato 

Flipboard Milano Città Stato

I siti di informazione aumentano e non è facile districarsi fra articoli scritti male, fake news e contenuti pericolosi. Flipboard permette di leggere solo quotidiani e magazine di qualità e di sfogliare articoli dalle proprie fonti preferite: un aggregatore necessario di questi tempi. Anche “Milano Città Stato” è presente con il suo magazine,  il link per seguirci.

Fonte articolo: Digitalclic

Continua la lettura con: Scappare dall’Italia? Le motivazioni dei nuovi emigranti

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore