In ITALIA la prima FONTANA PUBBLICA da cui zampilla VINO

E' stata inaugurata la prima fontana pubblica da cui sgorga vino tutto l'anno, e soprattutto gratis

credit: dorasarchese.it

In Italia la prima fontana pubblica che distribuisce vino gratis. Vediamo dove si trova e perché è stata inaugurata.

In ITALIA la prima FONTANA PUBBLICA da cui zampilla VINO

E’ stata inaugurata la prima fontana pubblica da cui sgorga vino tutto l’anno, e soprattutto gratis. No, non è uno scherzo né tantomeno una fake news. E’ parte di un cammino turistico-spirituale in Italia, ma la novità ha origini spagnole. Dove si trova e per quale motivo è stata inaugurata?


# Da Santiago a San Tommaso grazie a un bicchiere di vino

credit: 105.net

Tra il Cammino di Santiago e il Cammino di San Tommaso c’è un legame inaspettato: una fonte che distribuisce vino ai pellegrini. La fuente de vino della Bodegas Irache a Estella è stata una grande trovata commerciale che da anni attrae non solo gli assetati pellegrini, ma anche curiosi turisti. Prendendo ad esempio la fontana spagnola, anche in Italia si è deciso di inaugurare la prima fontana pubblica di vino. L’idea è venuta all’Associazione “Il cammino di san Tommaso” che si occupa di percorsi turistici e spirituali da Ortona a Roma.

# Quindici giorni di cammino e due regioni da attraversare

credit: abruzzoturismo.it

Infatti il Cammino di San Tommaso attraversa Lazio e Abruzzo, collegando Roma a Ortona. Quindici giorni di cammino in cui fedeli e non possono godere della natura più incontaminata degli Appennini, della cultura e della tradizione dei paesini e dei borghi attraversati e, ovviamente per chi crede, di un percorso fortemente spirituale. In questo lungo tragitto però, è stata inaugurata in Ottobre una piacevole novità di cui i pellegrini potranno usufruire: a Caldari di Ortona, in provincia di Chieti, si trova la prima fontana pubblica che distribuisce vino non-stop… e che vino. La fonte si trova nella tenuta della cantina Dora Sarchese che distribuisce vino abruzzese di ottima qualità.

# La fontana di Caldari è l’unica in Italia ad essere aperta tutto l’anno

credit: dorasarchese.it

Però attenzione, non è la prima fontana di vino in assoluto. Ne esistono altre anche in Italia – come ad esempio quelle storiche di Carosino (Taranto), San Floriano del Collio (Gorizia) e Marino (Roma) – ma aprono i loro rubinetti solo in particolari occasioni. Quella inaugurata a Caldari invece è aperta sempre e si può attingere dalla sua fonte in maniera totalmente gratuita. Sarà quindi sempre aperta e gratuita, ma non se ne può in alcun modo abusare, e questo l’Associazione San Tommaso ha tenuto a precisarlo:la fontana sarà libera ed accessibile ogni giorno, durante l’orario di apertura della cantina ma bisogna ribadire che la stessa non nasce come spillatrice gratuita di vino rosso ma come spazio di riposo e ristoro per i pellegrini dell’ Associazione “Il Cammino di San Tommaso” e come luogo di aggregazione per enoturisti e curiosi”. 



“Un bicchiere di vino con un panino, la felicità”, in questo caso ci si può permettere anche due bicchieri. Se quanto canta Al Bano è vero, i pellegrini del Cammino di San Tommaso saranno indubbiamente molto felici grazie alla fontana di vino da poco inaugurata.

Fonte: Dolce Vita Online

Leggi anche: Le 5 FONTI MIRACOLOSE della LOMBARDIA

ROSITA GIULIANO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.