I segreti della CITTÀ STELLA, la più MISTERIOSA d’Italia

Nulla è stato lasciato nella costruzione di questa piccola città

Credits: wikipedia.com

La città più misteriosa d’Italia si trova in Friuli Venezia Giulia, costruita come fortezza, la sua forma e i simboli con cui è stata progettata sono ancora oggi indecifrabili.

I segreti della CITTÀ STELLA, la più MISTERIOSA d’Italia

# I segreti: la stella, il 3 e la sua data di nascita

La città friulana avvolta nel mistero è Palmanova. La sua struttura di stella a 9 punte, la ricorrenza del 3 in tutte le sue dimensioni e la data della sua fondazione, sono stati scelti tutti per un motivo ben preciso, che ancora oggi rimane segreto. I misteri della città non possono essere svelati, ma si può provare a dare un significato alle scelte dei suoi fondatori, analizzando la storia e la cultura dell’epoca.


Credits: pinterest.com

Leggi anche Dove potrebbero essere le LINEE METROPOLITANE SEGRETE a Milano 

# La data di nascita

Palmanova è un piccolo comune di cinquemila abitanti, non lontano da Udine, con una precisa data di nascita: 7 ottobre 1593. Venne costruita come fortezza dai veneziani, che dopo aver firmato il trattato di Worms con l’Austria, non si fidavano più nessuno e volevano a tutti i costi mantenere i loro possedimenti.  Il 7 ottobre fu scelto per portare fortuna alla città: è infatti Santa Giustina, martire per aver soccorso i suoi fratelli religiosi, ma anche l’anniversario della vittoria sui Turchi a Lepanto. Questa precauzione fece in modo che la città rimanesse sotto il dominio della Serenissima per oltre due secoli.

Credits: unescohunt.com

Leggi anche Le 5 SPIAGGE SEGRETE dell’Emilia Romagna (mappa)



# La stella e il numero tre

La sua costruzione ha la forma di una stella, tipica delle fortezze medievali, le cui spesse mura e gli avamposti nelle punte, garantivano una maggiore capacità difensiva. La particolarità di questa città stellata, la cui forma si può notare solo con una prospettiva dall’alto, è il fatto che le punte della stella siano 9: un numero dispari, multiplo di tre. Non solo le punte, il numero 3 è ricorrente nella costruzione della città: 3 sono le cerchie di mura e le porte di ingresso, 9 sono anche i bastioni, 6 le strade principali e 18 le strade della città. Il numero 6, inoltre, si ripete nella piazza centrale, perfettamente esagonale.

Credits: wikipedia.com

Leggi anche I luoghi più ESOTERICI da visitare in Italia almeno una volta nella vita 

# Superstizione e affermazione

Il tre è il numero della creazione, dell’armonia e della perfezione e in massoneria è simbolo di libertà, uguaglianza e fratellanza. Con la costruzione di questa fortezza la Repubblica Veneziana voleva lanciare un messaggio di unità alla popolazione e di potenza ai nemici. La scelta dell’anniversario della vittoria di Lepanto come data di fondazione doveva ricordare ai nemici la forza della Repubblica e l’utilizzo del numero tre nella progettazione doveva proteggere la città e ricordare ai sudditi che erano un solo popolo, sotto la gestione di un governo perfetto.

Credits: pinterest.com

Palmanova è poi passata sotto il dominio napoleonico e asburgico, fino ad essere integrata nel Regno d’Italia. Nel 1960 la città stellata, insieme ai suoi segreti, è diventata monumento nazionale e nel 2017 è entrata a far parte del patrimonio UNESCO.

 

Continua la lettura con La CHIESINA ROSSA: il tesoro segreto della periferia di Milano

SARAH IORI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.