Gli Oscar del Cicloturismo: le 3 CICLOVIE più BELLE d’ITALIA

I percorsi più belli d'Italia da fare in bicicletta

Credits: bikeitalia.it Ciclovia dei Parchi in Calabria

L’Oscar del Cicloturismo è un premio assegnato ogni anno a quei progetti che hanno dimostrato di eccellere nel turismo a pedali. Si tratta di premiare le migliori piste ciclabili della Penisola, apprezzando maggiormente quelle immerse in bellezze naturali e storia.

Chi sarà il vincitore degli Oscar italiani del Cicloturismo 2021? Quest’anno è finito con un pari merito come riporta il sito initalia.virgilio.it.


Gli Oscar del Cicloturismo: le 3 CICLOVIE più BELLE d’ITALIA

#3 Il Grande Anello dei Borghi Ascolani: 100 Km tra ruderi e reperti antichi delle Marche

Credits: iconmagazine.it
Grande Anello dei Borghi Ascolani

Partendo da Piazza del Popolo di Ascoli Piceno, il Grande Anello dei Borghi Ascolani è un percorso ciclabile, o escursionistico, che attraversa la natura e la storia delle Marche. 100 km tra ruderi, antichi castelli ed eremi solitari divisi in 7 tappe. Terzo posto meritato grazie alla “capacità della Regione Marche di mettere in rete alcune tra le più significative realtà storico-artistiche del territorio in un’ottica di turismo lento e sostenibile”.

#2 La Ciclovia del Sole in Emilia Romagna: sul tracciato di una vecchia ferrovia

Credits: @cicloviadelsole
Ciclovia del Sole, Emilia Romagna

Con i suoi 64 km la Ciclovia del Sole si classifica seconda agli Oscar italiani del Cicloturismo 2021. Un percorso che, per ora, collega Mirandola a Bologna, ma è parte di un progetto molto più grande. Realizzata sull’ex ferrovia, la Ciclovia del Sole collegherà il capoluogo emiliano a Verona e sarà anche un pezzo del tracciato Euro Velo 7, 7400 km da Capo Nord a Malta.

#1  La Green Road dell’Acqua in provincia di Trento: 143 Km. sulle rive di fiumi e laghi del Trentino

Credits: giudicarie.com
Green Road dell’Acqua Trento

Al primo posto abbiamo due ciclovie a pari merito. La prima è la Green Road dell’Acqua in provincia di Trento. Il percorso va da Cadino a Trento, passando per Rovereto e il Lago di Garda, ed è stato premiato per “l’impegno, la tenacia e la realizzazione a regola d’arte del progetto”. Il territorio, infatti, da anni si impegna nell’organizzazione e promozione di percorsi ciclabili e il primo posto all’Oscar del Cicloturismo è il risultato di tutto questo impegno. Con l’acqua, prima del fiume Adige e poi dei laghi, protagonista, 143 km di percorso, 20 comuni attraversati e tutto realizzato riconvertendo 113 km di ferrovie abbandonate, strade dismesse e argini di fiumi, la Green Road dell’Acqua è la più bella d’Italia.



#1 La Ciclovia dei Parchi in Calabria

Credits: bikeitalia.it
Ciclovia dei Parchi in Calabria

Ecco la seconda prima classificata. 545 km di autentica meraviglia che collegano Laino Borgo, in provincia di Cosenza, a Reggio Calabria. Tra l’Aspromonte, la Sila, il Pollino e le Serre, la Ciclovia dei Parchi della Calabria offre un’esperienza unica tra paesaggio ed ecosostenibilità. La Ciclovia dei Parchi è stata premiata per l’attenzione al turismo sostenibile e per la capacità di unire due dei protagonisti della regione: aree protette e borghi.

Continua la lettura con: La pista CICLOPEDONALE SOSPESA sulla laguna di VENEZIA: diventerà la PIU’ BELLA d’ITALIA?

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.