Milano torna hot: i tre quartieri più caldi (e come rinfrescarli)

Le tre principali isole di calore della città

1
I quartieri bollenti - Credits: ilmeteo.it

A Milano ci sono quartieri più caldi e quartieri più freschi. Scopriamo quali sono le “isole di calore urbano” di Milano. E come si potrebbero rinfrescare.

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Milano torna hot: i tre quartieri più caldi (e come rinfrescarli)

# Milano torna rovente

Babak Habibi da Pixabay

Finora c’è andata bene. Un’inizio estate così fresca non la ricordavamo. Ma ora si torna a fare sul serio. In arrivo temperature super-hot. Questa foto satellitare scattata dall’Agenzia Spaziale Europea, mostra quali sono le isole di calore urbano. La mappa mostra il territorio di Milano, mettendo in evidenza i quartieri dove la città soffre di più il caldo.

Leggi anche: Le OASI più FRESCHE di Milano: parchi, piscine, spiagge urbane

# Un’occhiata più da vicino

I quartieri bollenti – Credits: ilmeteo.it

Uno sguardo attento alla foto dell’ESA permette di individuare le zone di Milano dove il caldo è più problematico. La temperatura è campionata al livello del suolo, codificata da un codice che colora di rosso fuoco i quartieri più “bollenti”. Queste risultano le tre principali isole di calore della città:

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

#1 Ortomercato: a Sud Est le massime temperature si registrano a Calvairate, in particolare nell’area attorno all’Ortomercato.

#2 Centrale: a Nord Est è invece da bollino rosso la zona attorno alla Stazione Centrale, in particolare proprio lungo la direttrice dei binari in corrispondenza con NoLo. 

#3 Viale Certosa: a Ovest i picchi massimi si rilevano tra viale Certosa e Cagnola. Più in basso anche Bisceglie, Lorenteggio e Giambellino registrano valori al di sopra della media. 

Oltre alle isole di calore, sono evidenti le “isole verdi”: parchi, viali alberati e le zone con il verde sono oggettivamente più fresche

# La soluzione contro il caldo? L’ombra

Stefano Boeri, in qualità di presidente del comitato scientifico di ForestaMI, ideatore del Bosco Verticale, ha invitato in passato a «non perdere un minuto di più nel riempire le nostre città di piante». Uno studio riporta, ad esempio, che le piante si riscaldano meno di asfalto e cemento, tanto che il Bosco Verticale, come le sue oltre 21 mila piante, è capace di mitigare le temperature.
Boeri sottolinea che «abbiamo bisogno di alberi, arbusti, rampicanti che ombreggino i luoghi dove abitiamo e ci riparino dal sole, che assorbano il veleno prodotto dal traffico».

Leggi anche: 7 modi per SCONFIGGERE il CALDO a Milano

Caldo in città, vie con e senza alberi – Credits: Architecture Hub FB

Una foto pubblicata da Architecture Hub, mostra ancora più nel dettaglio questa tesi, comparando due quadri urbani. Una via senza alberatura, in cui le temperature dell’asfalto superano i 44°C, quella delle auto i 61°C; accanto una via alberata, in cui le temperature non superano i 27,4 °C.

Leggi anche: I 10 GELATI più buoni di MILANO (secondo i milanesi)

Credits: Gerd Altmann da Pixabay

Fonte: Il Meteo e Architecture Hub

Continua la lettura con: CALDO (e freddo): le TEMPERATURE RECORD della storia di Milano

LAURA LIONTI

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 

 


Articolo precedente“Non dobbiamo dimenticare il valore delle cose grandi”
Articolo successivoIl fascino discreto della periferia di Milano
Laura Lionti
Tecnico del suono milanese, nata da milanesi importati dalla Sicilia. Il mio quartier generale è sempre stato il Gallaratese con i suoi giardini e il verde, difeso a volte a spada tratta. Sogno che Milano si candidi a luogo ideale per creare un laboratorio a cielo aperto che ricerchi e trovi la soluzione per le Smart Cities, Città e comunità sostenibili: obiettivo 11 degli SDGs

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome