I 10 ERRORI più comuni che i MILANESI fanno quando parlano in INGLESE

Vi siete mai chiesti quali sono gli errori più comuni che i milanesi fanno quando parlano in inglese? Ecco la classifica definitiva tra false friends e milanesismi esportati in inglese

Credits: valetinapicciani.it

Vi siete mai chiesti quali sono gli errori più comuni che facciamo quando parliamo inglese?Nonostante nell’ultimo periodo sempre più milanesi risultano essere fluenti in inglese ci sono ancora diversi false friends e traduzioni dirette dalla lingua italiana che ci traggono in inganno.

I 10 ERRORI più comuni che i MILANESI fanno quando parlano in INGLESE

Forse la causa più comune di errore è di importare in inglese delle costruzioni lessicali dell’italiano. Ad esempio, vi è mai capitato di rispondere “in fact” intendendo “infatti”? O ancora dicendo “you have reason” per confermare l’opinione della persona con cui parliamo? Ma passiamo ad errori più specifici.


#1 Remember vs Remind, l’errore più comune tra i milanesi

L’errore più comune tra i milanesi è proprio l’uso improprio di queste due parole. Ti è mai capitato di dire “can you remember me of this?” L’errore deriva dal fatto che in italiano questi due termini si traducono con la stessa parola, ossia “Ricordare”, ma in inglese esse hanno due significati diversi.

Remember significa pensare a qualcosa avvenuto nel passato, e si utilizza quando il soggetto che ricorda coincide con chi fa ricordare: “Mi sono ricordato che ho un appuntamento in corso Buenos Aires alle 13”. Remind, invece, significa far ricordare qualcosa a qualcuno: “Mi ricordi che devo andare dalla Giulia alle 14?”)

#2 “Reasonament” al posto di “Reasoning”

Nell’ambito accademico spessi ci si scontra con questo tipo di errori, anche chi è fluente nella lingua inglese può commettere questo errore. La parola “reasonament” è una traduzione maccheronica della nostra parola italiana “ragionamento” che però non esiste nella lingua inglese.



L’espressione corretta per intendere che dietro al nostro discorso c’è un ragionamento è dunque “Reasoning”: ricordatevelo al prossimo meeting con il vostro cliente internazionale!

#3 Anticipate: non si usa come il nostro anticipare

Molto comune tra coloro che studiano business english, questo è un false friend che potrebbe causare molta confusione e incomprensioni. Infatti, “Anticipate” viene usato per intendere che ci si aspetta che accadrà qualcosa,“Mi aspetto che alle 16 mi arriverà la call dalla Giorgia”, e non come “anticipare”!

La prossima volta che vorremmo anticipare un evento, una call, un appuntamento o qualsiasi altra cosa dobbiamo utilizzare forme come: move up, bring forward o hasten, anche se molto formale. “I’m moving up our business meeting to 4 pm”.

#4 Double Negatives

In italiano usare la doppia negazione come rafforzativo è comune ma in inglese questo non è così, una doppia negazione è considerata, talune volte, un’affermazione!

Quindi la prossima volta che vorrete dire “non ho fatto nulla” non dite “I didn’t do nothing”, non ho fatto nulla, ma “I didn’t do anything” ovvero non ho fatto qualcosa. Essendoci però la forma negativa diventa il nostro “non ho fatto nulla”.

#5 Parents vs Relatives

La parola parenti in italiano trae spesso in inganno coloro che si affacciano alla lingua inglese. Infatti, Parents, non è la traduzione per indicare i parenti ma per indicare i “genitori” mentre Relatives è la parola corretta. Attento quindi a dire “all my parents perché l’altra parte sarà molto confusa e crederà che tu abbia più di una madre/padre.

#6 Stage invece che Internship

Questa parola di origine francese si è ormai consolidata nel nostro vocabolario giornaliero ma non per questo essa è utilizzata anche in inglese. La parola corretta per indicare il nostro stage formativo, o tirocinio, è internship.

#7 Annoying: attenzione!

Ecco un altro False friend della lingua italiana: Annoying significa “fastidioso, irritante” e non “noioso”! La prossima volta che volete intendere che qualcosa è noioso usate “boring” o “tedious”.

#8 “Nothing” dopo “Thank you”

Questo errore non è solo dei milanesi ma comunque molto comune! Dire “Nothing” dopo un grazie in italiano ha senso, ma in inglese no! Espressioni usate che eguagliano il nostro “niente” sono “No bother” oppure “You are welcome”.

#9 “THE” : i milanesi ne fanno un uso spropositato

In italiano usiamo spesso gli articoli determinativi e non capiamo quando in inglese vanno invece omessi. Un esempio: “Le Persone amano Milano” si traduce con “People love Milan”. I milanesi portano questo uso spropositato però ad un altro livello, forse per l’uso comune degli articoli determinativi prima dei nomi, “la Claudia, la Giorgia”.

#10 After vs Later

Ultimo, ma non per importanza, è la distinzione che per molti risulta complessa di After e Later. “After” viene utilizzato per indicare qualcosa che accadrà subito dopo quello che si sta facendo mentre “Later” è utilizzato per indicare che qualcosa accadrà in giornata o comunque più tardi nel tempo.

Migliora il tuo livello con un corso di inglese online e non farti più ingannare dai false friends!

MARIO LUCCIANO

E se questo isnn’t enough, guarda le 10 parole inglesi entrate nello slang milanese (cliccaqui)

 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato