I miei 7 SUONI di Milano

Ogni città ha la sua colonna sonora, chiunque può ascoltarla e trovare i suoni che più la caratterizzano. Io ne ho scelti 7, quali sono i vostri?

0

Ogni città ha la sua colonna sonora, chiunque può ascoltarla e trovare i suoni che più la caratterizzano: questi sono i miei preferiti.

I miei 7 SUONI di Milano

#1 I merli, l’appuntamento fisso con la fine dell’inverno

L’arrivo dei merli a Milano è l’appuntamento fisso con la fine dell’inverno. Si svegliano per primi ed iniziano a cantare quando molti milanesi stanno andando a dormire e il loro canto è la colonna sonora di una nuova giornata. Nel silenzio della notte ottimo rapporto segnale/rumore.

#2 San Siro, tra derby e pop star la sua caratteristica acustica è unica

Che sia la partita di calcio della domenica o la pop star del momento, San Siro è la perfetta sintesi di Milano: si siedono sugli spalti italiani provenienti da ogni città. Dialetti si mischiano nei cori e si sente di tutto, nella sua caratteristica acustica riconoscibile da ogni altro luogo simile. Col derby suona il doppio. E’ la Scala del Calcio e ne è all’altezza.

#3 La socialità brulicante degli aperitivi

Non avrà lo struscio o le parate, eppure Milano è l’unica città dove l’aperitivo non è solo uno svago, ma il modo migliore per crearti delle opportunità incontrando altri milanesi. Incontrarli con uno sbagliato ascoltando musica ad alto volume è sempre un’ottima scelta.

#4 Il tram: il borbottare del motore elettrico e lo scontro dell’acciaio dei binari con le ruote

 

Il borbottare del motore elettrico e gli avvolgimenti che lo mettono in moto, lo scontro acciaio vs acciaio delle ruote sui binari, la spasmodica campana che chiede strada e ne annuncia l’arrivo. Solo in un film muto si può perdere questo DNA. O quando sciopera ATM, beh!

#5 Il ruggito della metropolitana

 

Non si capisce se arriva prima il tremore della terra o il rumore del treno dalle prese d’aria. Ma il ruggito della metropolitana sembra quello di un essere pronto a mangiarti. E’ inquietante insomma

#6 La tromba di Raffaele Kohler

 

Oh mia bela madunina suonata dalla finestra ad inizio lockdown è il primo segnale di riscossa di Milano in questo brutto periodo. Ci ho fatto spesso ricorso, col ricordo o con youtube a seconda dell’umore. 
Raffaele Kohler è il primo milanese che ho visto dopo il lockdown.

#7 Piano City, la musica all’aperto 

Il più grande esperimento di educazione alla bellezza insieme allo studio del Rinascimento o dell’Umanesimo.

LAURA LIONTI

Continua la lettura con: gli 8 colori di Milano

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato


Articolo precedenteI sette parametri INVISIBILI di valutazione del governo per chiudere una regione
Articolo successivoLe sei MALATTIE SOCIALI aggravate dal Covid
Laura Lionti
Tecnico del suono milanese, nata da milanesi importati dalla Sicilia. Il mio quartier generale è sempre stato il Gallaratese con i suoi giardini e il verde, difeso a volte a spada tratta. Sogno che Milano si candidi a luogo ideale per creare un laboratorio a cielo aperto che ricerchi e trovi la soluzione per le Smart Cities, Città e comunità sostenibili: obiettivo 11 degli SDGs