I LOCALI di Milano dove succedono COSE STRANE

Ci sei mai stato in uno di questi sette locali?

Credits kikichiari IG - Oro Secret Room

Ci sono dei locali a Milano dove si possono provare delle esperienze davvero fuori dal comune. Ci sei mai stato in uno di questi?

I LOCALI di Milano dove succedono COSE STRANE

#1 Potafiori, un luogo dalla doppia anima dove si cena con la “cantafiorista”

Credits fracipxx IG – Potafiori

Il Potafiori è un luogo dalla doppia anima. Fondata da Rosalba Piccini, che da poco a replicato l’iniziativa all’interno del Mercato Centrale, di giorno è un negozio di fiori, mentre la sera è ristorante. Durante la cena si esibisce la fondatrice, che si autodefinisce “cantafiorista“, per allietare con il suo canto i clienti.


 

Indirizzo: Via Salasco 17

#2 Crazy cat caffè, dove i gatti sono i padroni indiscussi

Credits anna_rossiiyskaya IG – Crazy Cat Cafè

Il Crazy Cat Café è stato il primo locale di questo genere ad aprire a Milano. I padroni indiscussi sono dei simpaticissimi gattini che dominano gli interi spazi, sopra i tavolini si sviluppano piccole tettoie e speciali percorsi dove possono girare girare indisturbati. Il menu del locale è formato da gustosissimi brunch, merende e pranzi, da gustare mentre si accarezzano questi gatti trovatelli che prendono il loro nome da cantanti famosi come Bowie, Freddie, Patti, Mina. Bisogna solo rispettare due regole: non dar loro da mangiare e non prenderli in braccio. 



 

Indirizzo: Via Napo Torriani, 5

#3 Aperitivo al buio all’Istituto dei Ciechi

Credits silviadel77 IG – Dialogo nel buio

“Dialogo nel buio” è iniziativa promossa dall’Istituto dei Ciechi” di Milano, che dal 2005 permette di sperimentare la percezione della realtà e della comunicazione in modo più profondo in mancanza di luce. Il percorso al buio dura un’ora e quindici minuti e si passa per alcune ambientazioni che richiamano situazioni di vita quotidiana, tutte diverse, da scoprire attraverso i cinque sensi e il dialogo con la guida non vedente. L’ultima tappa è un bar dove, sempre nell’oscurità più totale, si commenta l’esperienza vissuta e si può gustare una tazza di caffè o un aperitivo.

 

Indirizzo: Via Vivaio, 7

#4 Pizza Aut, il primo ristorante in Italia e in Europa gestito da autistici

Credits pizz_aut IG – PizzAut

PizzaAut, inaugurato a maggio del 2021, è il primo ristorante in Italia e in Europa ad essere gestito interamente da ragazzi autistici. Fondato da Nico Acampora, è nato per sopperire a un bisogno avvertito da molte famiglie, ovvero quello di un locale dove le persone autistiche possano lavorare e al contempo socializzare. Un’iniziativa di successo dove tutti i ragazzi impegnati hanno trovato la loro dimensione lavorativa, dal pizzaiolo al cameriere, e che punta ad essere replicata altrove.

 

Indirizzo: Via Don Verderio, 1, 20060 Cassina de’ Pecchi (MI)

#5 “Locanda alla Mano”, il locale gestito da ragazzi con la sindrome di down nel Parco Sempione

Credits mfb_arch IG – Locanda alla mano

Locanda alla Mano” è un progetto di integrazione lavorativa nato nel 2013 per aiutare giovani speciali a superare le proprie difficoltà e a entrare nel mondo del lavoro con entusiasmo e autonomia. Questo locale si trova all’interno del Parco Sempione ed è gestito da otto ragazzi con sindrome di down. Un luogo dove si incontra buona cucina e solidarietà nel cuore di Milano.

 

Indirizzo: Piazza Del Cannone

#6 Il “Cocktail Society” della Sacrestia farmacia alcolica

Credits kikichiari IG – Oro Secret Room

La Sacrestia Farmacia Alcolica sorge all’interno di uno storico edificio del ‘900, trasformato da casa chiusa a farmacia dopo l’acquisto da parte della Curia. Una struttura che conserva ancora tutto il suo vecchio stile e l’atmosfera retrò, tra affreschi a tema ecclesiastico, libri, vecchi alambicchi, ampolle, tendaggi e tappezzerie, e in grado di trasportare gli utenti in un’altra epoca grazie ai suoi due livelli e quattro differenti ambienti. La vera chicca è la Oro Secret Room, al piano inferiore, una zona segreta, un vero e proprio “Cocktail Society” in stile speakeasy a cui si accede solo tramite appuntamento,  con drink list e accoglienza firmata dalla bartender alchimista Terry Monroe.

 

Indirizzo: via Conchetta, 20

#7 “Rob de matt”, il locale dove lavorano persone con problemi psichici 

Credits robdemattmilano IG – Rob de Matt

Rob de Matt è un ristorante e bistrot che è anche associazione di promozione sociale. Si basa su un progetto di inclusione sociale e lavorativa rivolto a persone con storie di marginalità e svantaggio, tra cui persone con problemi psichici, da qui il nome. Oltre a questi a servire ai tavoli ci sono anche rifugiati politici, migranti in difficoltà, ex carcerati e NEET.

 

Indirizzo: Via Enrico Annibale Butti, 18

Continua la lettura con: 5 RISTORANTI ETNICI TOP di Milano (con la loro imperdibile specialità)

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: La resa dei conti fra magistrati e prefetti nelle carte del “processo Lucano”

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente10 città MERAVIGLIOSE ma SOTTOVALUTATE nel mondo
Articolo successivo10 REGALI di Natale che vorremmo fare a MILANO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.