Un GESUITA MILANESE alla corte dell’Imperatore: superstar in Cina, ignorato nella sua città di origine

Due sue opere sono state battute all'asta per oltre 30 milioni di euro. Un documentario su di lui è stato visto da 360 milioni di persone. Riviviamo l'incredibile storia di questo personaggio milanese dimenticato

Castiglione

Nato a Milano a fine del 1600, poco conosciuto ai più, famosissimo in Cina. Il missionario pittore: due sue opere sono state battute all’asta per oltre 30 milioni di euro. Riviviamo l’incredibile storia di questo personaggio milanese dimenticato.

Un GESUITA MILANESE alla corte dell’Imperatore: superstar in Cina, ignorato nella sua città di origine

# Il missionario pittore poco noto ai milanesi

I Milanesi illustri sono innumerevoli, Manzoni, Beccaria, Cattaneo, il Porta … questi li conosciamo tutti. Ce ne sono però molti altri che hanno compiuto grandi opere e che nel loro tempo sono stati uomini intraprendenti e spesso coraggiosi. Ai più probabilmente questo nome non dirà molto, eppure Giuseppe Castiglione viene celebrato nella storia cinese. Gesuita, missionario e pittore, nacque a Milano nel 1688 e morì in Cina nel 1766. L’imperatore Qianlong, suo grande amico e ammiratore, ordinò che venissero svolti in suo onore i funerali imperiali, corrispondenti al suo alto rango di mandarino di seconda classe.


# I suoi quadri conservati nei musei di Pechino e Taipei. Un suo documentario in Cina ha raggiunto 360 milioni di telespettatori

Creditd: wikipedia.org – Le alte montagne offrono splendidi polipori

Durante la sua permanenza in Cina, Castiglione assunse il nome di Láng Shìníng ovvero Pace del Mondo. Castiglione passò 51 anni come pittore di corte dipingendo svariati soggetti. Riuscì a creare uno stile di pittura che fondeva quello occidentale e quello orientale. I suoi quadri sono conservati nei musei di Pechino e Taipei.

Due teste di bronzo per il palazzo estivo dell’imperatore da lui disegnate, furono battute all’asta per 30 milioni di euro. In Cina è talmente famoso che ne hanno fatto ben una serie tv e un docufilm, intitolato: “Pittore imperiale e umile servo” trasmessa nel 2015, raggiunse un ascolto di 360 milioni di spettatori. Un milanese che meriterebbe forse più di attenzione nella sua città di origine.

ANDREA URBANO



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

  

Articolo precedenteL’ALTO ADIGE dice NEIN al DPCM
Articolo successivoQuello che NATURA non le ha dato Milano se l’è CREATO
Andrea Urbano
Nato a milano, ma milanese per scelta (per metà salentino). Sono appassionato a tutto quello che riguarda Milano: storia, cultura, dialetto e patrimonio artistico, progetti urbanistici, futuri socio econonomici, oltre a cinema, sport e viaggi. Lavoro nell'ufficio export di una multinazionale. Sono un grande tifoso del Milan. Alla ricerca di una modella. Quartiere: BOVISA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here