Tiny Cars e il MODELLISMO 4.0: un piccolo negozio in un settore in crisi diventato un riferimento internazionale

Porsche 911-2 GT3 RS 4 SERIE + Porsche 911 s 2010
Porsche 911-2 GT3 RS 4 SERIE + Porsche 911 s 2010

In passato Milano era celebre per i suoi numerosi negozi di modellismo. Con l’arrivo di internet e l’esplosione dei giochi elettronici il mercato del modellismo è entrato in crisi schiacciato dal darwinismo economico, il mostro bifronte di consumismo e innovazione.

Il destino sembrava non consentire un futuro per il negozio Tiny Cars di via Cenisio 19. Invece Enrico Sardini ha avuto un’intuizione e ha deciso di scommettere su un settore da cui tutti stanno scappando. Ha acquistato il negozio di Emilio Re, ha saputo far buon viso a cattiva sorte e si è ingegnato un sistema che ha portato a invertire la rotta. Non solo il suo negozio è diventato un punto di riferimento per gli appassionati di modellismo internazionali.


Già perchè i clienti di Tiny Cars sono in gran parte internazionali: da Argentina, Australia, India, Cina, Europa, Usa, tutto il mondo acquista i modellini di Tiny Cars. Il segreto di Enrico? Innanzitutto la passione.

Poi la capacità di veleggiare sui tempi intuendo i punti di forza che ogni periodo porta in serbo. Ha capito che con internet un negozio fisico può avere non un concorrente bensì un moltiplicatore, specie se ti affermi leader di una nicchia.



In terzo luogo bisogna anche superare i confini settoriali dello spazio fisico: ogni venerdì organizza la TINYCENA al Ristorante/pizzeria PRIMO GUSTO (cuoco napoletano e moglie Inglese di Liverpool).

Infine il negozio è anche un riferimento per gli appassionati di auto d’epoche: vengono appassionati di vere automobili storiche e sportive e si presentano libri sulle case automobilistiche passate e presenti.

Per finire, in passato di organizzavano dei Tour alla Fiera di Norimberga del giocattolo e del modellismo: il sogno di Sardini è di riprendere in futuro pure questo tour specialistico.

Chevrolet Camarro ss 1980
Chevrolet Camarro ss 1980

Tiny Cars è una delle chicche di una città che si reinventa sempre e che a ogni crisi risponde con la passione e l’innovazione. Anche perchè siamo la città che ha saputo inventarsi un Gran Premio di Formula 1 fatto sul circuito esterno della Vecchia Fiera di Milano, anno domini 1947. Chi vinse il GP? Carlo Felice Trossi un Biellese trasferito a Milano alla guida dell’Alfa Romeo 158 DA cv1500.

DANIELE VASTA

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come#amburgo #madrid #berlino #ginevra #basilea #sanpietroburgo #bruxelles             #budapest #amsterdam #praga #londra #mosca #vienna #tokyo #seul#manila     #kualalumpur #washington #nuovadelhi #hongkong#cittadelmessico #buenosaires   #singapore

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

Spread the love