Notizia bomba: Monna Lisa è di Milano! LEONARDO dipinse la GIOCONDA a Vaprio d’Adda

Una notizia che potrebbe scuotere la storia dell'arte: lo sfondo che si vede dipinto nella Monnalisa di Leonardo sarebbe la valle dell'Adda

Credits: liberiamo.it - La Gioconda e la valle dell'Adda

Notizia sensazionale destinata a scuotere il mondo dell’arte mondiale. Secondo studi geomorfologici lo sfondo che si vede dipinto nella Monnalisa di Leonardo sarebbe la valle dell’Adda all’imbocco del Lago di Lecco, ma un’altra curiosità incredibile è che esiste un quadro gemello all’originale realizzato nello stesso periodo.

LEONARDO DA VINCI dipinse la GIOCONDA a Vaprio d’Adda

La scoperta degli studiosi che hanno svelato il mistero del genio toscano

Il primo a rivelarlo, come riportato da cosedibergamo.it, è stato lo studioso Luca Tomio che sfruttando il metodo del geologo Carlo Petronio ha asserito che si tratta del “paesaggio tipico montagnoso, fluviale e lacustre delle Prealpi Lombarde e precisamente una ripresa della Valle dell’Adda”.
In precedenza il lecchese Riccardo Maragni aveva individuato nel monte San Martino quello sulla destra nel quadro.


Il quadro gemello dipinto da Francesco Melzi

Credits: cosedibergamo.it – La Monna Lisa di Leonardo da Vinci e Francesco Melzi

Esiste però un quadro gemello della Gioconda, dipinta da Francesco Melzi amico o amante di Leonardo da Vinci e originario di Vaprio d’Adda, che riporta lo stesso sfondo pur con colori più freddi rispetto all’opera originale, un’angolatura della visione diversa con l’orizzonte che appare più alto e altri piccoli dettagli.
Questa versione è denominata “Ritratto di Dama” e attualmente è esposta al Museo del Prado di Madrid, dal 1819 in seguito alla vendita di opere e carteggi dello scultore Pompeo Leoni, tra le quali quelle cedute dal figlio del Melzi come lascito in cambio di incarico di prestigio.

Tutti i paesaggi del ramo orientale del Lario rappresentato nel dipinto

Compiendo un excursu visivo che va da nord a sud si possono notare: la veduta dell’Adda da Calco/Brivio, la parte terminale del ramo del Lago di Lecco, con il ponte Azzone Visconti e il Monte Barro sulla destra, il lago di Garlate, Olginate e la Brianza che si apre verso Milano, osservata dai Pizzini del San Martino, Mandello, osservata dal Castello di Bellagio, le punte di Olgiasca, Dervio e Bellano così come osservabili da Gravedona.

La forma del vestito della Gioconda sarebbe un’altra conferma della teoria che vuole che il dipinto sia stato realizzato a Vaprio d’Adda, perchè con le sue balze innaturali, richiamerebbe le forme del Triangolo Lariano, ovvero quella parte di territorio racchiusa tra i due rami del lago.


Se oggi rinascesse Leonardo chissà se metterebbe sullo sfondo della Gioconda lo Skyline di Porta Nuova?

FABIO MARCOMIN


Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Leggi anche:
*I dieci effetti di Milano città stato più votati dai milanesi: al primo posto portare Milano a livello delle PRIME AL MONDO
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi