Napoleone era INNAMORATO di Milano: in pochi anni fece costruire queste GRANDI OPERE

Napoleone venne più volte a Milano, ma non mise mai piede a Roma. Già questo ce lo rende simpatico

Napoleone in Duomo

Napoleone venne più volte a Milano, ma non mise mai piede a Roma. Già questo ce lo rende simpatico. Napoleone era molto attratto da Milano, così come altri suoi illustri connazionali, come Stendhal o Francesco I.

Napoleone era INNAMORATO di Milano: in pochi anni fece costruire queste GRANDI OPERE

La rese capitale del Regno d’Italia e nel suo breve dominio le regalò numerose opere, tra cui ricordiamo:

#1 la costruzione del Naviglio Pavese
#2 la strada del Sempione (che puntava verso la Francia)
#3 la terza ala della Ca’ Granda, quella situata verso via Laghetto, con linee esterne neoclassiche, ispirata al progetto del Filerete
#4 archi di Porta Ticinese, di Porta Nuova e l’Arco del Sempione
#5  l’Arena
#6 il palazzo Rocca Saporiti
#7 il progetto di Foro Bonaparte

Tra le diverse innovazioni Napoleone rese anche La Scala accessibile a tutti i cittadini (prima era riservata agli aristocratici).

I milanesi nutrirono grande simpatia per l’imperatore. In primo luogo perchè li aveva liberati dagli Asburgo e poi perchè Milano era la capitale dell’illuminismo italiano e si identificava negli ideali della rivoluzione incarnati da Napoleone.

Continua la lettura con: La Milano di Napoleone

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.