La CASA di via Quadronno, il primo BOSCO verticale di Milano

Un vero capolavoro degli anni 1958-60, l’edificio è stato costruito con pannelli pre-fabbricati che prevedono l’inserimento del verde rampicante. Un vero e proprio bosco verticale ante litteram.

credits: calzetterosse IG

Milano si prepara ad avere un terzo bosco verticale, la Torre Botanica, ma non tutti sanno che il primo bosco verticale venne costruito negli anni 60 dall’architetto e designer veneto Bruno Morassutti. Un edificio rivoluzionario già per i tempi, che nasce proprio dallo spirito di rinascita e dal melting pot culturale che hanno caratterizzato Milano negli anni del dopoguerra, portando ad opere di rinnovamento urbano impensabili fino a pochi anni prima.

La CASA di via Quadronno, il primo BOSCO verticale di Milano

# L’architetto Morassutti, le influenze di Frank Lloyd Wright e l’architettura al servizio dell’uomo.

credits: architetti.san.beniculturali.it

Bruno Morassutti si laurea in architettura a Venezia nel 1946 e subito dopo parte per gli Stati Uniti dove frequenta la comunità studio di Frank Lloyd Wright a Taliesin, un’esperienza che segnerà e caratterizzerà in maniera indelebile la sua carriera di architetto. Morassutti è l’unico italiano ad aver frequentato così a lungo lo studio di Wright ed è da questa esperienza che nasce la sua idea di un’architettura al servizio dell’uomo e della società che declinerà in tutte le sue opere.


# Lo studio Morassuti a Milano, la città ideale per la nascita di nuove tendenze.

credits: archilovers.com

Nel 1954 Morassutti rientra in Italia e decide che Milano è «the place to be», perché è a Milano che nascono tutte le nuove tendenze. Inizialmente entra in contatto con lo studio BBPR, uno dei primi e più interessanti casi di collettivo artistico e culturale fondato sul lavoro di gruppo anziché sulla personalità del singolo, per poi associarsi con un altro architetto, Angelo Mangiarotti, con cui progetterà le sue opere più rappresentative: la chiesa di vetro di Nostra Signora della Misericordia a Baranzate, la Casa a tre cilindri di San Siro e il bosco verticale ante-litteram di Via Quadronno.

# La casa di via Quadronno con le sue facciate ricoperte da piante e rampicanti.

credits: blog.urbanfile.org

L’edificio si inserisce in un più ampio programma di ricostruzione post-bellica dell’area compresa tra via Crivelli e via Quadronno. Questo nuovo isolato è stato immaginato come uno spazio verde continuo, permeabile allo sguardo e ideale prosecuzione del giardino pubblico adiacente. Da qui l’idea di realizzare l’edificio utilizzando degli elementi prefabbricati che permettessero l’innesto della vite del Canada e la scelta di lasciare che le facciate venissero con il tempo interamente rivestite dal verde.

Come per la casa dei Tre cilindri, il progetto del condominio di via Quadronno punta alla flessibilità ed è declinato attraverso moduli base prefabbricati intercambiabili che consentono la personalizzazione degli appartamenti in base alle esigenze del proprietario.



A differenza del Bosco Verticale, il verde di questo edificio nasce dalla libera scelta dei vari proprietari degli appartamenti, realizzati secondo il disegno interno voluto da ognuno, ed è reso possibile proprio dall’utilizzo degli elementi prefabbricati che, consentendo l’inserimento del verde, hanno permesso agli inquilini di innestare piante rampicanti e a medio fusto che ormai ricoprono completamente le facciate e i balconi del palazzo.

Per un lungo periodo, al primo piano dell’edificio ha avuto sede lo studio di progettazione guidato dallo stesso Morassutti.

Fonte: blog.urbanfile.org 

 

Continua a leggere: Il BOSCO ORIZZONTALE in via MELZO: “TERRAZZE VERDI” su strada con pedane MANGIASMOG

LAURA COSTANTIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.