La Casa del DIAVOLO è in Porta Romana

la casa del diavolo
Credits: flawlessmilano.com

Avreste mai detto che nel pieno centro di Milano c’è la “Casa del Diavolo”? Ebbene si, al civico 3 di Corso di Porta Romana sorge Palazzo Acerbi che, secondo alcune leggende, fu per un tempo la residenza del Diavolo in persona.

 

La casa del Diavolo

la casa del diavolo

Palazzo Acerbi è una storica dimora seicentesca costruita secondo lo stile barocco lombardo di quel periodo: l’esterno austero e sobrio, se paragonato alle tipiche ridondanze dell’architettura barocca, si contrappone ad interni riccamente decorati con materiali e arredi di grande pregio, statue, quadri e ampie scalinate. Un lusso sfrenato ostentato dal proprietario, il marchese Ludovico Acerbi, per sfidare il rivale padrone del Palazzo Annoni.

Leggi anche: Il DIAVOLO è a Milano

 

La leggenda

Ed è proprio durante il periodo in cui il marchese Acerbi abitò il Palazzo, era il 1615 quando vi si traferì, che la peste colpì Milano mietendo  migliaia di vittime. Ma il marchese sembrava non curarsi dell’epidemia dilagante: organizzava suntuose feste nel suo palazzo e girava per la città con una carrozza trainata da sei cavalli neri e scortato da sedici staffieri sbarbati e in livrea verde dorata.

la casa del diavolo

La gente passando la notte fonda sotto il Palazzo sentiva dalle finestre musica, grida e poi lo vedeva affacciarsi sempre alla sesta finestra del primo piano. Questa sua inclinazione alla mondanità e  alla spavalderia, unita al fatto che nessuno degli abitanti del suo palazzo si ammalò di peste, fece sorgere forti sospetti tra la gente. Così iniziò a circolare la leggenda che Corso di Porta Romana 3 fosse la “Casa del Diavolo”. In effetti questo palazzo non fu solo immune alla peste manzoniana. Si salvò anche dalla bombarda austriaca del 1848, di cui conserva a testimonianza una palla di cannone conficcata nella facciata.

Le vicende storiche che coinvolgono il Palazzo e le testimonianze popolari sulla particolare personalità di Ludovico Acerbi sembrano confermare l’idea che questa storiella non sia solo frutto dell’immaginazione.

 

LETIZIA DEHÒ

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Come In Un Bosco