Le trasformazioni della ROTONDA DELLA BESANA: da cimitero al MUBA, il museo per i bambini

Forse la trasformazione più radicale nella città simbolo del cambiamento

cimitero della bisana

Nell’immaginario collettivo molti ricordano la Rotonda della Besana come un antico lebbrosario, sovrapponendoci forse l’immagine di quello che era invece il Lazzaretto, che non era neanche poi così lontano… ma molto più antico.

Le trasformazioni della ROTONDA DELLA BESANA: da cimitero a museo per i bambini

In realtà siamo alla fine del ‘600 e qui c’era un cimitero annesso all’ospedale Maggiore della Ca’ Granda (l’attuale Università degli Studi). Ci troviamo in quella che era all’epoca piena campagna fuori dalle vecchie mura medioevali che correvano più o meno lungo l’attuale via Francesco Sforza. Si può ancora vedere la porta, detta della Meraviglia, e l’annesso ponticello, da cui, superato il naviglio dell’ospedale i carretti raggiungevano il camposanto.

cimitero della besana
La Porta della Meraviglia

Lo splendido porticato in barocchetto lombardo dalle eleganti forme curve fu innalzato nei primi anni del ‘700 non tanto per funzioni estetiche, o per celare qualcosa o qualcuno al loro interno, ma più semplicemente per isolare il complesso dalle acque stagnanti circostanti.

La città si ingrandisce e il cimitero viene a trovarsi ben presto all’interno del complesso delle mura spagnole e nel 1792, a fronte delle legislazioni sanitarie austriache (che saranno poi confermate da Napoleone) che non volevano cimiteri in città, fu dismesso.

Dopo i più disparati utilizzi, come spesso capitava, e tanta incuria, arriviamo ai giorni nostri.

Da cimitero al MUBA

Questo passato un po’ lugubre oggi sembra davvero molto molto lontano. Il Giardino della Rotonda della Besana è uno spazio verde vivissimo, ristrutturato qualche anno fa, dove d’estate si organizzano concerti, mostre, aperitivi e lezioni di yoga mattutine.

Ma non è tutto! Avete mai sentito parlare della storia di Roberto Piumini che racconta che qui abita una creatura magica, il folletto Bambilla, amico dei bambini e della natura. Che sia proprio questa storia ad aver dato l’idea di creare un luogo interamente dedicato ai più piccoli?

cimitero della besana

cimitero della besana
Chiesa sconsacrata di San Michele Arcangelo ai Nuovi Sepolcri

Da qualche anno infatti, in quello che era lo spazio centrale, dove era stata eretta la Chiesa di San Michele Arcangelo ai nuovi sepolcri, oggi sconsacrata, è presente il MUBA, alias Museo dei Bambini, un grande spazio tutto per loro… con giochi, tanti libri da leggere e colorare, laboratori di didattica e di scoperta e utilizzo di colori, forme e materiali. Un luogo unico che ancora una volta dimostra come Milano sia una città all’avanguardia e proiettata al benessere di tutti i suoi cittadini, anche di quelli ancora piccoli.

 

ROBERTO BRACCO

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi