L’estate più terribile per Milano fu quella del 1943

estate 1943

L’estate più terribile per Milano ebbe inizio il 25 luglio 1943, una data storica per l’Italia.

La serie di sconfitte dell’Asse in Russia e in Africa settentrionale posero le basi per la richiesta di convocazione del Gran Consiglio del Fascismo, al quale Mussolini non potè opporsi a lungo.


Così, mentre gli Americani conquistavano la Sicilia, all’alba del 25 luglio, a maggioranza dei voti dei propri membri il Gran Consiglio approvò la mozione di Grandi. Nel pomeriggio, il Re nominò Pietro Badoglio quale nuovo capo del governo, disponendo l’arresto di Mussolini.

estate 1943Il Bomber Command inglese, che fino ad allora aveva seriamente bombardato Milano solo in tre occasioni (due attacchi il 24 ottobre 1942 e uno il 15 febbraio 1943), decise che per accelerare la resa italiana il modo migliore fosse quello di distruggere la sua più importante città industriale.

Mettendo a ferro e fuoco Milano (e altre città del nord), la popolazione esasperata e fiaccata avrebbe spinto Badoglio a chiedere l’armistizio.



Fu così che in agosto i bombardieri inglesi della RAF sorvolarono la nostra città per quattro notti, sganciando sulla testa dei pochi milanesi rimasti (circa 250.000) un carico di bombe inimmaginabile.

L’8 agosto, poi la notte tra il 12 e il 13, tra il 14 e il 15, tra il 15 e il 16 del mese. 

Notti che lasciarono per sempre il segno, sia in chi visse quei momenti, sia in chi vide la città subito dopo, ma anche nei mesi e negli anni seguenti. Milano non fu più la stessa: il patrimonio storico e artistico, alcuni pittoreschi quartieri, le antiche dimore, rimasero solo un ricordo fotografico.

estate 1943Approssimativamente, morirono tra le 1.200 e le 2.000 persone. La città perse un terzo delle proprie costruzioni, distrutte direttamente dalle incursioni aeree, dagli incendi da queste scatenati, o per le demolizioni successive resesi necessarie o (spesso) economicamente più vantaggiose.

L’8 settembre l’Italia si arrese. Anche in questo caso, Milano pagò alla nazione uno dei suoi più alti tributi.

 

Altre foto dalla Milano bombardata

 

Continua la lettura con: La macabra storia della villa degli orrori della Seconda Guerra Mondiale

 

MAURO COLOMBO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.