L’Odeon DIMEZZA il CINEMA: meno sale più SHOPPING

Arrivato il via libera definitivo, ecco come dovrebbe diventare

Credits: IG wemilano - Cinema Odeon esterno

Il cinema Odeon è da due anni in mano alla DeA Capital Real Estate Sgr Spa, che ha in progetto di ridurre lo spazio per le sale e adibire il resto degli ambienti a shopping center. Arrivato il via libera definitivo si attendono i dettagli della trasformazione. Ecco come dovrebbe diventare.

L’Odeon DIMEZZA il CINEMA: meno sale più SHOPPING

# Arrivato il via libera definitivo con il parere positivo del Muncipio 1: il cinema si trasforma per metà in shopping center

Credits: IG wemilano – Cinema Odeon esterno

La proprietà del cinema Odeon è di DeA Capital Real Estate Sgr Spa da due anni, dopo che Fininvest l’aveva ceduto al fondo Apollo e da allora il destino di uno degli storici cinema milanesi è segnato. Il primo cinema di Milano a trasformarsi in multisala nel 1986, raggiungendo nel tempo un numero di 8 sale complessive, è destinato ridurre gli spazi dedicati alla proiezione di film per cedere la metà degli ambienti allo shopping. Il via libera definitivo al progetto è arrivato dal consiglio del Municipio 1, che oltre alla multisala interessa anche la riqualificazione della via Agnello, l’unica rimasta esclusa in questi ultimi anni dagli interventi di restyling da parte del Comune di Milano attorno al Duomo.


# Cosa prevede il progetto di trasformazione del multisala

Credits: IG wonderful_milan – Cinema Odeon

L’obiettivo del progetto è duplice: preservare l’attuale destinazione a sala cinematografica del piano interrato, riducendo a cinque il numero delle sale e salvando quindi la storica Sala 2 ricavata dal vecchio teatro, riservando il pianterreno, il primo secondo piano a uno shopping center magari della caratura di La Fayette o Harrod’s accessibile sia da via Santa Radegonda sia da via Agnello. Il terzo e quarto piano dell’edificio dovrebbero rimanere adibiti a uffici. 

# La riqualificazione di via Agnello grazie agli oneri di urbanizzazione

Credits: Urbanfile – Parte di via Agnello riqualificata, il tratto centrale è rimasta in asfalto

Ci sono due ipotesi per la riqualificazione di via Agnello, in base all’entità economica degli oneri di urbanizzazione conseguenti all’intervento edilizio. In caso di risorse esigue verrà solo ampliato il marciapiede di circa un metro e mezzo per “dare continuità al percorso pedonale fino all’imbocco della galleria pedonale Annex Rinascente, mentre il raccordo tra il nuovo marciapiede e l’area pedonale di via Agnello sarà ampliato di tre metri per garantire continuità con il marciapiedi che proviene da piazza Liberty.” Se le risorse fossero maggiori la riqualificazione di Agnello dovrebbe essere completa con la sostituzione dell’asfalto con sampietrini anche nella porzione di strada aperta al transito di veicoli. In questo modo si creerebbe uniformità con piazza Liberty.  

Fonte: Milano Today



Continua la lettura con: Il leggendario MAESTOSO rinasce come Cinema Teatro Italia ma avrà tutta un’altra funzione

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.