Con l’invisible man e il maiale gigante parte il capodanno cinese con una novità: Sarpi è tra le sette CHINATOWN più interessanti del mondo

Martedì 5 febbraio si festeggia il capodanno cinese che dura 16 giorni dando il via all’anno del maiale.
Uno dei luoghi al mondo dove la festa si preannuncia più affascinante è via Paolo Sarpi, da poco incoronata dall’applicazione internazionale Virail, come una delle sette Chinatown più interessanti del mondo, insieme a a Londra, Parigi, Amsterdam, Amburgo, Toronto e New York.

L’anno del maiale segue quello del cane e l’evento clou del capodanno sarà la tradizionale parata che colorerà a festa l’intera zona di rosso: martedì alle 14 da piazza Gramsci prenderà il via la sfilata che terminerà con la Festa delle Lanterne.
Tra i principali eventi del capodanno cinese, mai così curato come quest’anno ci saranno:

-il Montenapoleone Chinese New Year: fino al 10 febbraio luongo la strada è previsto l’allestimento della mostra fotografica dell’artista cinese Liu Bolin, noto anche come “The Invisible Man”;
-in largo La Foppa, sempre fino al 10 febbraio, c’è l’installazione di un grande maiale gonfiabile di oltre tre metri.

Leggi anche: via Paolo Sarpi e le chicche di Chinatown

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

Come In Un Bosco