A MILANO arriva una LIBRERIA ITINERANTE

Per portare la cultura nelle strade milanesi

Credits: @libraccio Ape Libraccio

Un’iniziativa in controtendenza. Dove le librerie chiudono, Libraccio porterà libri e giornali nelle piazze milanesi.

A MILANO arriva una LIBRERIA ITINERANTE

# Dove stazionerà l’Ape Libraccio?

Credits: edicolequisco.it
Road Map

La “road map” prevista per questo primo mezzo passa da Gae Aulenti, Piazza Castello, Arco della Pace, Via Farini e Piazza Dergano, mentre nel pomeriggio farà tappa in Piazza Mentana, Parco Solari, Piazza Risorgimento.


# Non solo libri usati

Credits: mentelocale.it
Ape Libraccio

Libri usati e nuovi scontati, per adulti e bambini, giornali e riviste e, per chi desidera, la possibilità di poter vendere i propri libri con pagamento in contanti. Ape Libraccio è il primo di una serie di mezzi itineranti che porteranno informazione e cultura attraverso le piazze milanesi.

Una partnership tra Edicole Quisco e il Libraccio che sembra una scelta vincente. Andrea Cabrini, ideatore delle Edicole Quisco e Edoardo Scioscia, amministratore del gruppo Libraccio, sono entusiasti di questa iniziativa volta a riportare le edicole per Milano, e non solo. Riportare una funzione importante, servire anche le zone più disagiate e promuovere la cultura. Mission che si spera raccoglieranno i meritati risultati.

Continua la lettura con: Il CONCERTO in TANDEM per le strade di Milano

ROBERTO BINAGHI



Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteNasce in Italia la PRIMA SPA MARINA
Articolo successivo🛑 GREEN PASS for DUMMIES: tutte le novità di un decreto SENZA PRECEDENTI
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.