Il primo HYDROGEN Innovation Center in Italia: ecco dove sarà

Il progetto, la mission e gli sviluppi futuri del primo polo di eccellenza nazionale per le tecnologie dell'idrogeno

Credits: fortuneita.com

Il primo polo di eccellenza nazionale per le tecnologie dell’idrogeno. Il progetto, la mission e gli sviluppi futuri.

Il primo HYDROGEN Innovation Center in Italia: ecco dove sarà

# Il primo polo di eccellenza nazionale per le tecnologie dell’idrogeno nasce a Modena

Credits: italia-informa.com – Sede Snam

Nell’ambito di un accordo di collaborazione tra Snam e l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, la società di infrastrutture energetiche con sede a San Donato Milanese ha annunciato l’avvio dell’Hydrogen Innovation Center a Modena. Sarà il primo polo di eccellenza nazionale per le tecnologie dell’idrogeno e proseguirà le collaborazioni già in corso con altri centri di ricerca in ambito idrogeno, come quella con Enea nell’Hydrogen Valley di Casaccia a Roma. Nei mesi successivi saranno realizzati altri hub in Italia, di cui uno con il Politecnico di Milano, mentre entro il termine dell’anno un altro è previsto negli Stati Uniti d’America.


# La mission dell’hub è racchiusa in 3 punti: alleanze strategiche impresa-mondo della ricerca, nascita di nuovi progetti, contributo al contrasto del climate change

L’executive Vice President Hydrogen di Snam Cosma Panzacchi espone la mission dell’Hydrogen Innovation Center: “costruire un’alleanza strategica tra imprese e mondo della ricerca per consolidare la filiera italiana dell’idrogeno e favorire la nascita di nuove aziende e progetti, anche attraverso l’avvio di un programma di accelerazione“. In questo modo si potrà contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici nazionali ed europei. 

# Tutta la filiera dell’idrogeno sarà coinvolta nell’attività di ricerca

Credits: fortuneita.com

Tutta la filiera dell’idrogeno è coinvolta nell’attività di ricerca e sperimentazione dell’hub modenese. I macro ambiti di ricerca riguarderanno l’automazione e la mobilità, con tre aree oggetto di studio: “l’automazione delle filiere produttive di elettrolizzatori e celle a combustibile, un prototipo di stazione di rifornimento di idrogeno realizzato nell’Università con tecnologia italiana e nuove applicazioni a supporto dei veicoli a guida autonoma nonché soluzioni IoT e Ai per la mobilità del futuro.”

Fonte: Ansa



Continua la lettura con: Il progetto di CAMPUS di DESIGN ISPIRATO al GIAPPONE in uno dei luoghi più spettacolari d’Italia

FABIO MARCOMIN

Leggi anche: Processi, assoluzioni, archiviazioni: anni di vita distrutti. Giustizia, perché continuiamo così?

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl risveglio dei giovani
Articolo successivoLa PISTA CICLABILE del FUTURO: quando verrà fatta a Milano?
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.