🔴 BREAKING NEWS. Scontro totale sui trasporti: i comuni della città metropolitana contro la Lombardia

Anche sui trasporti la città metropolitana si stacca dalla Lombardia: si va sempre più spediti verso la città stato

Credits: nuovosistematariffario.atm.it
Credits: nuovosistematariffario.atm.it

Ci risiamo, il tema dei trasporti è ancora tavolo di scontro tra Milano e la Regione Lombardia. La novità è che buona parte dei comuni della città metropolitana prendono le distanze dalla Lombardia per unirsi a Milano, come successo tempo fa sempre sulla decisione della giunta regionale di ridistribuzione delle quote di controllo dell’Agenzia di Bacino dei Trasporti di Milano, Monza Brianza, Lodi e Pavia.

La lettera dei sindaci alla Regione Lombardia

Il motivo di discussione, come riporta in anteprima affaritaliani.it, è riportato in una lettera a firma di ottantadue sindaci, di centrosinistra, ma anche centrodestra e civici che si oppongono ai nuovi criteri di assegnazione dei fondi dell’agenzia di bacino metropolitana dei trasporti: questa modifica comporterebbe un taglio di circa 3 milioni di euro solo per la Città Metropolitana.
Oltre ai sindaci si aggiunta la firma del Commissario Prefettizio di Corsico, Francesca Iacontini.


Qui l’articolo di Affaritaliani.it: Trasporti: i sindaci della città metropolitana contro Regione Lombardia

Il risultato del taglio di risorse sui trasporti

Il taglio di risorse, già iniziato, si è già fatto sentire nei Comuni della Città Metropolitana che hanno dovuto effettuare una riduzione delle numero di corse effettuate dai mezzi pubblici con conseguente aumento del traffico privato e relativo inquinamento.

Il previsto nuovo taglio di trasferimenti potrebbe inficiare la riforma di integrazione tariffaria voluta dal Agenzia di bacino di trasporti, con aumento del prezzo unitario dei biglietti ordinari a 2 euro e abbonamenti settimanali e mensili, riducendo contestualmente il costo degli abbonamenti extraurbani, che avrebbe garantito 50 milioni di euro di extragettito da investire nella collettività (anche se ancora non è chiaro dove saranno investiti).


La risposta dell’Assessore regionale ai Trasporti

La replica di Claudia Terzi non si è fatta attendere, evidenziando come all’Agenzia dei trasporti di Milano vengono assegnati 417 milioni di euro sul totale di 629 milioni di euro messi a disposizione di tutta la Regione Lombardia e che “la nostra Regione muove quasi il 24% dei passeggeri a livello nazionale, ma ottiene risorse solo per il 17%” e che “più volte negli anni siamo intervenuti per sopperire ai tagli dei Governi”.

Se da un lato Milano e l’hinterland rivendicano più fondi dalla Regione per il funzionamento del trasporto pubblico, dall’altro la Regione si sente a credito verso la Stato, con l’esito scontato che a rimetterci sono sempre i cittadini e pendolari.

La sovrapposizione di enti è la causa di ogni problema

Lo scontro in atto, così come quelli sul tema case o sulle regole di programmazione territoriale che vanno in direzione opposte tra Milano e la Regione Lombardia, ha un solo colpevole: la sovrapposizione di enti.


Un fattore che genera confusione, e un pessimo governo di territori con caratteristiche peculiari e distintive da altri, privati dalla possibilità di amministrarsi con responsabilità e autonomia, il vero male atavico di tutta l’Italia: troppi che decidono provocano perenni situazioni di emergenza.

I territori omogenei devono avere il diritto di autodeterminarsi con risorse e responsabilità adeguati a fornire i migliori servizi ai propri cittadini, a partire da un sistema di trasporti capillare, sicuro e puntuale.
Milano può aprire la strada ad un nuovo modello amministrativo, esigendo il diritto a ottenere il riconoscimento di Regione, come previsto dall’art. 132, per gestire direttamente risorse e funzioni rapportandosi esclusivamente con Stato e Europa, senza altri decisori intermedi.

FABIO MARCOMIN

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul#Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi