ZONA ROSSA con 30% di TERAPIE INTENSIVE? Con i nuovi parametri l’ITALIA sarebbe stata in LOCKDOWN anche solo per INFLUENZA STAGIONALE

Con i nuovi parametri anche se il 70% delle terapie intensive risulteranno vuote si rischia il lockdown

Credits veronasera - Zone colorate italia

Annunciati nella conferenza stampa dal ministro Speranza i nuovi parametri per determinare il cambio colore delle regioni. La base sarà la quota di occupazione delle terapie intensive invece che l’andamento dei contagi. Questa sembra una cosa positiva, ma c’è un ma: con i nuovi parametri stabiliti l’Italia sarebbe diventata zona rossa quasi ogni anno, durante il picco dell’influenza stagionale. Vediamo le nuove condizioni per la determinazione delle zone di rischio pandemico nel Paese.

ZONA ROSSA con 30% di TERAPIE INTENSIVE? Con i nuovi parametri l’ITALIA sarebbe stata in LOCKDOWN anche solo per INFLUENZA STAGIONALE

# Nuovi parametri per determinare le zone di rischio delle regioni

Credits: piemonteconomia.it – Ministro della Salute Speranza

Tra i principali provvedimenti contenuti nel Decreto Legge varato ieri 22 luglio 2021 dal Consiglio dei Ministri per la gestione della pandemia, oltre al prolungamento dello Stato di Emergenza fino al 31 dicembre di quest’anno e l’allargamento delle funzioni del Green Pass, c’è la rimodulazione dei parametri per determinare l’appartenenza di una regione a una specifica zona di rischio.


In particolare sono due gli indicatori a essere modificati, il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e il tasso di occupazione di posti letto in terapia intensiva. Questi, insieme all’incidenza dei contagi ogni 100.000 abitanti, stabiliranno l’area di rischio di un territorio.  

# Da zona bianca a zona rossa con solo il 30% di occupazione delle terapie intensive, a marzo era il 50%

Parametri ospedalizzazione Marzo 2021, dato Lombardia

Per rimanere in zona bianca, dove serve comunque il green pass per partecipare a gran parte della vita sociale, l’incidenza dei contagi dovrà essere inferiore ai 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive, oppure in caso di numero superiore i posti letto in area medica non potranno essere occupati più del 15% o quelli in terapia intensiva del 10%. Altrimenti la regione passerà in zona gialla.

Con un’incidenza pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti, per rimanere in zona gialla una regione non dovrà registrare un’occupazione superiore al 30% dei posti in area medica o il 20% in terapia intensiva. Se invece si verificano entrambe le condizioni scatterà il passaggio in zona arancione. Infine una regione verrà identificata con la zona rossa, a rischio più alto, se i posti occupati in area medica saranno superiori al 40% del totale e quelli in terapia intensiva del 30%.



Quindi con il 90% di terapie intensive vuote si passa in zona gialla, con il 70% in zona rossa mentre a marzo almeno la metà doveva essere piene. Se avessimo adottato in passato questi parametri quasi ogni anno ci avrebbero messo in lockdown per l’influenza stagionale.

Continua a leggere con: Le TRE FAKE NEWS nella conferenza stampa di Draghi

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteLe TRE FAKE NEWS nella conferenza stampa di Draghi
Articolo successivoAbitanti a Milano nel 2021: quanti sono?
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.