🔴 Il Comune lancia un FONDO di MUTUO SOCCORSO per Milano

Il Sindaco chiama a raccolta banche, imprenditori e cittadini facoltosi per rilanciare l’economia dopo l’emergenza sanitaria

In un videomessaggio pubblicato nella mattina del 12 marzo sulla sua pagina Facebook, Beppe Sala annuncia l’istituzione di un fondo di mutuo soccorso “finanziato dal Comune”, che si avvarrà anche del sostegno di “banche, istituzioni finanziarie, imprenditori, e di quei milanesi che potranno”.

L’iban per le donazioni è IT58 G0306901 7831 0000 0000 551, il Fondo “lavorerà sulle situazioni più delicate in quella fase di recupero” – continua Sala – “che ci dovrà il più velocemente possibile riportare alla situazione precedente” all’emergenza del Coronavirus. La nuova misura si aggiunge al decreto del Governo, avvalendosi dei margini di autonomia concessi al Comune.

“Nei suoi 26 secoli di storia Milano ha sempre dato il meglio di sé nei momenti di difficoltà” conclude con fiducia il sindaco, e in effetti non è la prima volta che accade qualcosa di simile, anche se con la memoria bisogna tornare al 1898.

Un precedente di grande valore

Quell’anno Milano fu attraversata da una gravissima crisi politica ed economica, cui fecero seguito pesanti rivolte sociali. La reazione decisa del Governo Pelloux contro le associazioni di carattere sindacale e politico portò alla nascita di nuove associazioni che svolgevano compiti di aiuto economico ai piccoli imprenditori. Nacque così una Società Agricola operaia nella frazione Ronchi San Bernardo, facendo di Milano la città pioniera di questo nuovo tipo di sostegno. Al fiorire delle iniziative sparse a livello locale corrispose, poi, uno sforzo unificante, coordinato a livello nazionale dalla Federconsorzi.

Finché il 5 settembre 1900 “è costituita la Federazione Italiana delle Società di Mutuo Soccorso – come recita l’Articolo 1 dello Statuto – al fine di provvedere alla tutela degli interessi delle Società federate e contribuire a migliorare moralmente e materialmente la condizione delle classi lavoratrici a mezzo della previdenza”.

Oggi esistono oltre 500 società di Mutuo Soccorso in Italia con un patrimonio accantonato che supera i 100 milioni di euro.

La misura proposta oggi da Sala mira a risollevare la città quando l’emergenza sarà passata, affidandosi fin da subito alla generosità dei singoli cittadini.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa raccolta.

ALBERTO OLIVA

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


Articolo precedentePer aspera ad astra: la FORZA di Milano dopo ogni grande CRISI
Articolo successivo🔴 Emergenza coronavirus: GRATIS parcheggi e area B – C, per venire incontro ai cittadini
Alberto Oliva
Dopo la laurea in Scienze dei Beni culturali, si diploma in regia alla Scuola d’Arte drammatica Paolo Grassi nel 2009. Nel 2012 vince il Premio Internazionale Luigi Pirandello come migliore regista emergente. È giornalista pubblicista iscritto all’Ordine. Collabora con QN Quotidiano Nazionale dal giugno 2013, curando la rubrica Anime Nascoste che esce tutte le domeniche sulle pagine de Il Giorno ed è autore della pagina settimanale dedicata alle Botteghe Storiche di Milano. Ha realizzato due edizioni della guida Scoprire Milano uscita in allegato con Il Giorno nel giugno 2014 e nel giugno 2016. Ha realizzato con il contributo del Comune di Milano due edizioni della guida alle Botteghe Storiche di Milano uscita in allegato con Il Giorno nel giugno 2017 e nel giugno 2019. Ha pubblicato il libro L’odore del legno e la fatica dei passi / Resto in Italia e faccio teatro con Atì editore nel dicembre 2013 che racconta la sua testimonianza di trentenne che lavora nell’ambito culturale in Italia. Con l’attore Mino Manni fonda l’Associazione I Demoni, con cui realizza il Progetto Dostoevskij che comprende Notti bianche, La confessione, Ivan e il Diavolo, Il giocatore, cui si aggiunge Delitto e castigo (2017) prodotto dal Teatro Franco Parenti e la nuova produzione L’Idiota (2019/2020). Collabora con L’associazione Vivaio dal 2015 e con Milano Città Stato dalla nascita del progetto.