🛑 I CONTAGI? “IMPOSSIBILI all’APERTO”. Il virus “è nelle CASE”

Due studi mostrano dove avvengono i contagi: nelle case. All’esterno la presenza del virus nell’aria rende i contagi praticamente impossibili. Con o senza mascherina. Alcuni dei pilastri delle strategie adottate per contenere i contagi vengono messi in discussione

Credits: automoto.it

Sono usciti due studi che mostrano dove avvengono i contagi: nelle case. Mentre all’esterno la presenza del virus misurata nell’aria rende il contagio praticamente impossibile, con o senza mascherina. Vediamo gli studi che trovano riscontro anche negli ultimi dati sull’origine dei contagi e che mettono in discussione alcuni pilastri delle strategie utilizzate per contenere la diffusione del Covid. 

I CONTAGI? “IMPOSSIBILI all’APERTO”. Il virus “è nelle CASE”

# Impossibili i contagi all’aperto: lo dice uno studio dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr e di Arpa Lombardia 

Credits: repubblica.milano.it – Inquinamento a Milano

Secondo lo studio dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr e di Arpa Lombardia le probabilità di contagiarsi all’aperto di Covid-19 sono irrilevanti, anche nel caso in cui si viva in zone fortemente urbanizzate con un’elevata presenza di particolato nell’aria composto dagli inquinanti prodotti da veicoli, riscaldamenti e attività industriali (Pm 2,5, Pm 10 e N0x). Potrebbe quindi cadere l’ipotesi in base alla quale il particolato potrebbe essere veicolo per la diffusione delle particelle di virus nelle persone. La ricerca ha analizzato le concentrazioni di Sars-Cov2 nell’aria di vari luoghi, partendo proprio dai reparti Covid negli ospedali. Il risultato è che il coronavirus è più presente nelle case che negli ospedali e all’aperto sostanzialmente non c’è.


# Nell’aria delle case concentrazioni massime del virus, irrisorie invece in esterno: lo dice lo Studio di Arpa Piemonte

Credits: automoto.it

A conclusioni simili arriva un secondo studio, questa volta effettuato da Arpa Piemonte. Secondo questo studio il virus non è risultato rilevabile nell’aria esterna ma le più alte concentrazioni si riscontrano nelle case. Anche negli ambiti ospedalieri, e in particolare all’interno dei reparti con presenza di malati anche caratterizzati da elevati carichi virali, le concentrazioni rilevabili del SARS-CoV-2 sono risultate generalmente molto contenute.

Invece nell’ambito domestico, le concentrazioni di Sars-Cov2, sono molto consistenti. Nell’aria di casa di un soggetto positivo, si possono trovare fino a 40:50 copie genomiche del virus su metro cubo di aria. Più che nei reparti Covid degli ospedali, sia per le attenzioni messe in corsia, sia per il ricambio dell’aria imposto. 

# Risultati Covid seconda ondata: 93% di contagi avvenuti in casa

Credits: gazzettadelsud.it

Un nuovo studio firmato da Carlo Signorelli, docente di Igiene e Sanità pubblica all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, e dal direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, pubblicato su ‘Acta Biomedica’, insieme a colleghi dell’Università di Pavia, mostra come in Lombardia fino al 93% dei contagi nella seconda ondata di Covid-19 dopo il lockdown è stato di tipo domestico



Intervistato su Adnkronos Salute Carlo Signorelli spiega che lo studio:mirava a identificare le dinamiche della trasmissione di Sars-Cov-2 attraverso l’analisi dei cluster e dei piccoli focolai rilevati dal sistema di sorveglianza della Regione Lombardia nel corso della seconda ondata epidemica“.

Dal confronto con i dati registrati prima e dopo l’introduzione di misure restrittive quali coprifuoco notturno, chiusura parziale di scuole e attività commerciali, smart working, è stata osservata “una significativa diminuzione delle infezioni nei luoghi di lavoro, in incontri sociali, bar, ristoranti e centri sportivi.” Nelle scuole è passato dal 9,8% al 3,4%, negli ambienti ospedalieri e nelle case di cura dal 5,2% al 2%, mentre le infezioni domestiche sono salite dal 72,8% al 92,7%“.

Questi dati mettono discussione le politiche restrittive adottate dal governo, visto che la diffusione del virus nella seconda ondata è avvenuta quasi esclusivamente nelle case, mentre l’attenzione dei governi, nazionali o regionali, si è concentrata sui contatti all’esterno (limitati da mascherine e distanziamento) e sulla chiusura di locali e delle scuole, mentre invece è risultata assente qualunque politica di gestione dei contagiati nelle case e di un corretto loro isolamento. 

Fonti: La Repubblica, La Stampa, Adnkronos, Automoto

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore
Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here