Emergenza Covid: gli EFFETTI PEGGIORI sulla SALUTE MENTALE (studio francese)

Molti paesi hanno adottato misure coercitive per imporre un rallentamento della vita sociale, con l'obiettivo di arginare la pandemia Covid-19. Questo oltre a conseguenze economiche e sociali ha portato gravi conseguenze a livello psicologico. Lo studio francese nel dettaglio


In primavera fino a 4,6 miliardi di persone hanno provato almeno un periodo di confinamento nelle loro case in tutto il mondo, quasi il 60% degli abitanti del pianeta. Molti paesi hanno adottato misure coercitive per imporre un rallentamento della vita sociale, con l’obiettivo di arginare la pandemia Covid-19. Questo oltre a conseguenze economiche e sociali ha portato a gravi conseguenza a livello psicologico. Su questa notizia ha aperto Le Monde la prima pagina dell’edizione del 27 novembre. 


Emergenza Covid: gli EFFETTI PEGGIORI sulla SALUTE MENTALE (studio francese)

Traduzione estratti articolo “Le Monde” – La santé mentale éprouvée par l’épidémie de Covid-19

# Le patologie sulla salute mentale più diffusi: aumento dell’ansia, della depressione, dei problemi di sonno o dello stress. Questo i risultati di uno sondaggio dell’agenzia sanitaria francese

Come scrive Le Monde, le conseguenze sanitarie ed economiche dell’epidemia sono evidenti, questa crisi ha però avuto anche ripercussioni psicologiche sulle popolazioni colpite. A questo si aggiungono i disturbi psicologici associati alla perdita di una persona cara, la paura di essere contagiati o di contagiare chi li circonda e la scarsità di relazioni sociali. Questi sono tutti fattori che favoriscono l’aumento dell’ansia, della depressione, dei problemi di sonno o dello stress.



Per misurare lo stato di salute mentale della popolazione francese in reazione all’epidemia di Covid-19, l’agenzia di sicurezza sanitaria (SpF) ha avviato molto presto un follow-up, chiamato Coviprev, rivolto principalmente ai disturbi ansia, dipendenza e problemi di sonno. In collaborazione con l’istituto di sondaggi BVA, sono state intervistate 2.000 persone in più ondate, prima su base settimanale, poi bimestrale e mensile.

# Il risultato del sondaggio: crescita del tasso di ansia fino a oltre il 30% nella prima settimana dall’inizio del lockdown

I risultati parlano chiaro: il primo sondaggio del 23-25 ​​marzo, una settimana dopo l’inizio del lockdown, indica un tasso di ansia del 26,7%, ovvero il doppio del tasso osservato nel 2017, al di fuori del contesto della crisi sanitaria. In alcune regioni più colpite, come Ile-de-France, Grand-Est o Bourgogne-Franche-Comté, questi tassi hanno addirittura raggiunto il 30% (rispettivamente 30%, 29,5% e 33%).

Anche la prevalenza degli stati depressivi ha raggiunto livelli elevati alla fine di marzo in alcune regioni (25% nel Grand Est, 27,7% nel Centro-Valle della Loira).

# I soggetti più a rischio di ansia emersi dall’indagine

I ricercatori di SpF specificano, in un bollettino epidemiologico pubblicato il 7 maggio, che era associato un rischio maggiore di ansia:

  • Donna, madre di bambini di età pari o inferiore a 16 anni e con una situazione finanziaria difficile.
  • Avere condizioni di vita difficile legate alla situazione epidemica: telelavoro durante il parto e avere una persona cara malata o avere avuto sintomi di Covid-19.
  • Avere scarsa conoscenza del funzionamento del Covid-19 e percepirlo come una malattia grave e sentirsi vulnerabili di fronte ad essa.

Al contrario, avere una buona conoscenza delle modalità di trasmissione della malattia, il rispetto del confinamento, la capacità di adottare misure di protezione e la fiducia nell’azione delle autorità pubbliche riduceva il rischio di ansia.

# L’aumento degli stati depressivi più evidente alla fine di ottobre, dopo il coprifuoco, +5%

La prevalenza degli stati depressivi, invece, è balzata di cinque punti alla fine di ottobre, dopo il coprifuoco. Nel suo bollettino epidemiologico del 29 ottobre, SPF specifica che questo aumento colpisce in particolare le donne in una situazione finanziaria degradata e che hanno già sperimentato disturbi psicologici.

# Consumo di ansiolitici in aumento: +330.000 pazienti in 2 mesi

Un altro modo per documentare l’evoluzione della salute mentale dei francesi è il consumo di farmaci mirati ai disturbi psicologici. Nel suo quarto rapporto dedicato all’uso di droghe di fronte all’epidemia di Covid-19, pubblicato il 9 ottobre, Epi-flagship (un think tank indipendente e senza scopo di lucro che ricerca l’impatto delle tendenze e delle politiche economiche sui lavoratori negli Stati Uniti) osserva che “due classi terapeutiche di farmaci per disturbi mentali, ansiolitici e ipnotici, hanno visto il consumo e il loro utilizzo costantemente aumentato durante e dopo il lockdown”.

Infatti, se confrontiamo il numero di persone che hanno avuto accesso ai farmaci ansiolitici su prescrizione nel 2020 al livello previsto, vediamo un chiaro consumo eccessivo durante il lockdown: più di 330.000 pazienti in più li hanno utilizzati in soli due mesi ( + 1,1 milioni in sei mesi), mentre il numero di nuovi pazienti è stabile rispetto al 2019 (-0,4%).

# Cresciuto fino al 20% l’uso farmaci per disturbi mentali ad Aprile, durante la prima ondata

Consumo di farmaci per disturbi mentali in aumento

Anche altri tipi di farmaci che prendono di mira i disturbi mentali raggiungono il picco nelle prime fasi delle restrizioni. Gli antidepressivi, ad esempio, hanno sperimentato la stessa progressione degli ansiolitici nella seconda metà di marzo. In misura minore, anche gli ipnotici (sonniferi), così come il trattamento per le dipendenze da alcol e oppioidi, sono aumentati fino alla fine di marzo. Il trend ha poi visto un calo durante il resto del lockdown, per difficoltà, o riluttanza, a fissare un appuntamento con un medico di base. 

# I precari e gli operatori sanitari sono i più esposti. Negli USA il 40% della popolazione ha mostrato almeno un disturbo psicologico

Il peggioramento dei disturbi psicologici è stato documentato in paesi diversi dalla Francia. Negli Stati Uniti, uno studio dei Centers for Disease Control and Prevention condotto a fine giugno ha mostrato che oltre il 40% della popolazione americana ha riferito di avere almeno un disturbo mentale o comportamentale. La prevalenza di ansia o depressione (31%) o di stress grave (26%) è almeno tre o quattro volte superiore a quella del 2019. Gli autori hanno anche notato che la frequenza dell’idea di suicidarsi è aumentata (10,7%), soprattutto tra i 18-24 anni (25,5%), le minoranze etniche (18,6% tra gli ispanici, 15,1% tra Neri), e tra i lavoratori essenziali (21,7%), che sono le categorie di popolazione più colpite dalla pandemia.

Gli operatori sanitari sono anche soggetti a più disturbi mentali a causa della loro esposizione diretta alle conseguenze sulla salute dell’epidemia. La ricerca tra i caregiver canadesi mostra tassi estremamente elevati di ansia e depressione, il 55% soffre di ansia, il 42% mostra sintomi di depressione. Conseguenze che di fatto sono già state osservate in precedenti epidemie, in particolare quelle di SARS nel 2003 e di influenza aviaria H1N1 nel 2009. I caregiver a Toronto, in Canada, hanno mostrato tassi di burnout e burnout. Disturbo da stress post-traumatico significativamente più alto negli ospedali che trattavano pazienti con SARS rispetto agli ospedali che non lo facevano.

Traduzione estratti articolo “Le Monde” – La santé mentale éprouvée par l’épidémie de Covid-19

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore