APERTURA SCUOLE. Primi dati dall’Inghilterra: ZERO STUDENTI RICOVERATI dalla riapertura a giugno

I dati della Public Health England: 1,6 milioni di studenti tornati in classe, 70 positivi e nessun ricovero. Solo lo 0,01% delle scuole ha avuto un caso o un'epidemia dopo la riapertura a giugno. Sul totale nazionale, dei contagi del periodo, le scuole hanno contribuito solo allo 0,7% dei casi

Credits: telegraph.co.uk - Nuovi casi di contagi e epidemia a scuola in Giugno

I risultati successivi alla riapertura delle scuole nel Regno Unito nell’indagine della Public Health England, come riportato dal Telegraph, testimoniano come il ritorno in classe non ha inciso sulla risalita dei contagi e secondo gli ufficiali medici i bambini non correrebbero rischi, anzi per loro sarebbe peggio non andare a lezione. Ancora non ci sono dati inoltre di contagi in famiglia avvenuti a causa degli studenti. 

APERTURA SCUOLE. Primi dati dall’Inghilterra: ZERO STUDENTI RICOVERATI dalla riapertura a giugno 

Pubblichiamo traduzione integrale articolo di Sara Knaptor per “The Telegraph” – Not a single child was hospitalised with coronavirus after schools reopened in June


# I dati della Public Health England: 1,6 milioni di studenti tornati in classe, 70 positivi e nessun ricovero

La riapertura delle scuole a giugno non ha portato a un singolo bambino ricoverato in ospedale con Covid-19, secondo i nuovi dati della Public Health England. I dati rivelano che, nonostante più di 1,6 milioni di giovani siano tornati all’istruzione, solo 70 bambini sono risultati positivi al virus e nessuno ha avuto bisogno di cure ospedaliere. Al contrario, a 128 membri del personale è stato diagnosticato il virus e la PHE ha affermato che la maggior parte della trasmissione proveniva da adulti. Alle scuole è stato detto di migliorare la loro igiene per prevenire focolai. La ricerca mostra anche che i casi erano molto più probabili in aree che stavano vivendo alti livelli di virus, suggerendo che alti livelli di infezione della comunità erano responsabili delle epidemie.

L’analisi ha anche affermato che potrebbero essere necessarie ulteriori chiusure scolastiche nelle regioni con crescente infezione della comunità, ma questo dovrebbe “essere considerato solo in extremis“.

# Le dichiarazioni del epidemiologo Shamez Ladhani, autore del rapporto per la Public Health England

L’autore del rapporto, il dottor Shamez Ladhani, epidemiologo clinico, Public Health England, ha affermato: “Le infezioni e le epidemie di SARS-Cov2 erano rare nelle strutture educative durante il primo mese dopo l’allentamento del blocco nazionale in Inghilterra. La forte correlazione con l’incidenza regionale di SARS-Cov-2 sottolinea l’importanza di controllare la trasmissione della comunità per proteggere gli ambienti educativi. Ulteriori interventi dovrebbero concentrarsi sulla riduzione della trasmissione all’interno e tra i membri del personale.



# Solo lo 0,01% delle scuole ha avuto un caso o un’epidemia dopo la riapertura a giugno. Sul totale nazionale, dei contagi del periodo, le scuole hanno contribuito solo allo 0,7% dei casi, i bambini allo 0,27%

Il rapporto ha anche mostrato che ci sono stati 30 focolai nelle scuole in cui almeno due persone sono state infettate. In quei casi si sono verificati solo sei casi di alunni che hanno trasmesso l’infezione al personale e solo due di studenti che l’hanno trasmessa tra loro. Molti dei bambini erano asintomatici e dei 30 casi singoli, la maggior parte aveva contratto il virus da contatti familiari. Il rapporto suggerisce che solo lo 0,01% delle scuole ha avuto un caso o un’epidemia a giugno e conclude che le infezioni nelle strutture educative sono rare.

Nello stesso periodo, sono stati registrati 25.470 casi in Inghilterra nel suo complesso, il che significa che le scuole hanno contribuito solo allo 0,7% dei casi e i bambini solo allo 0,27%. Sebbene i membri del personale avessero maggiori probabilità di essere infettati rispetto ai bambini, non erano più probabili della popolazione generale.

# “Le scuole non sono una via comune di trasmissione”

Domenica, i principali ufficiali medici britannici hanno avvertito che, nonostante il coronavirus, i bambini sono più a rischio di danni a lungo termine se non frequentano la scuola che se tornassero in classe. In una dichiarazione congiunta rilasciata prima della riapertura delle scuole il mese prossimo, i consulenti hanno affermato che i bambini hanno un “rischio di morte eccezionalmente basso” a causa del Covid-19.

Hanno detto che “pochissimi, se non nessuno“, i bambini e gli adolescenti sarebbero stati danneggiati a lungo termine dal virus solo frequentando la scuola, mentre c’era la “certezza” del danno dal non ritorno. Il capo e il vice capo degli ufficiali medici hanno detto che le scuole non sono una “via comune di trasmissione” e che gli insegnanti non corrono alcun rischio maggiore di morire rispetto alla popolazione in età lavorativa generale.

# La trasmissione nelle scuole potrebbe avvenire principalmente da personale a personale piuttosto che dagli alunni al personale

Tuttavia, hanno notato che i dati provenienti dal Regno Unito e da studi internazionali suggeriscono che la trasmissione nelle scuole potrebbe avvenire principalmente da personale a personale piuttosto che dagli alunni al personale. “Ciò rafforza la necessità di mantenere le distanze sociali e un buon controllo delle infezioni all’interno e all’esterno delle aule scolastiche, in particolare tra i membri del personale e tra i bambini più grandi e gli adulti“, hanno detto. I consulenti hanno notato che la riapertura delle scuole non è stata solitamente seguita da un aumento della trasmissione di Covid-19, ma potrebbe spingere il tasso di riproduzione, il cosiddetto “tasso R”, al di sopra di uno. Se ciò accadesse richiederebbe “un’azione locale e potrebbe significare scelte sociali” di imporre limitazioni a diverse parti della comunità, hanno aggiunto.

I firmatari della dichiarazione di consenso includevano il professor inglese Chris Whitty, il dottore scozzese Gregor Smith, il dottore gallese Frank Atherton e il dottor Michael McBride dell’Irlanda del Nord.

Articolo originale: The Telegraph

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Pubblicato da Milano Città Stato su Martedì 2 giugno 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato