Scoperta la più ANTICA “CASA” nella storia dell’UMANITÀ

Ecco dove si trova e le prove che testimoniano le presenza di ominidi milioni di anni fa

Credits: sinethemba_snakes IG - Wonderwerk Cave

Gli archeologi hanno trovato la casa più antica nella storia degli ominidi. Si tratta di una grotta abitata già 2 milioni di anni fa. Ecco dove si trova e le prove che testimoniano le presenza attività umana.

Scoperta la più ANTICA “CASA” nella storia dell’UMANITÀ

# Wonderwerk Cave è stata abitata già 2 milioni di anni fa

Credits: gonortherncape IG – Interno Wonderwerk cave

Gli archeologi hanno scoperto la casa più antica nella storia degli ominidi. Si tratta di una profonda caverna estesa per 140 metri e larga 25: Wonderwerk Cave nel deserto del Kalahari. Sorprendentemente, è stata occupata più o meno ininterrottamente per due milioni di anni, anche se per la maggior parte di quel tempo, gli esseri umani moderni non sono nemmeno esistiti. Qui sono state trovate prove del primo uso in assoluto del fuoco e delle prime asce a mano. Come riferiscono Ron Shaar, Ari Matmon, Liora Kolska Horwitz, Yael Ebert e Michael Chazan nella Quaternary Science Reviews, non sono i primi strumenti di pietra grezza scoperti nella storia, i primi sono datati 3,3 milioni di anni fa, ma quelli di Wonderwerk Cave sono i primi in assoluto ad essere stati trovati nel contesto della vita nelle caverne.  


# Chi erano i suoi abitanti?

Credits: ubiqueheritage IG – Masso Wonderwerk Cave

Ma chi ci abitava effettivamente nella caverna? All’epoca c’erano più ominidi nell’Africa meridionale. Gli archeologi hanno ipotizzato che il produttore di utensili più probabile fosse l’Homo habilis, infatti qui sono state trovate tra le più antiche asce della storia. Tra i motivi che suggeriscono la presenza di ominidi dentro la caverna, nonostante la sua profondità e il buio, c’è il doversi nascondere dai predatori. Un altro motivo è che la parte posteriore della grotta offrisse esperienze sensoriali, questo perché in realtà l’uso del fuoco nelle profondità di grotte strette può portare all’ipossia e conseguenti allucinazioni. 

# Ossa e pietre bruciate testimoniano la presenza di attività umana

Credits: tom.malcolm IG – Reperti Wonderwerk cave

Per circa la metà dei due milioni di anni la grotta è stata in uso, sembra che i suoi occupanti si riscaldassero con il fuoco o comunque lo utilizzassero nel quotidiano. Sono state trovate infatti ossa bruciate, pietre bruciate, terra bruciata e cenere a 30 metri dall’imboccatura della grotta, che probabilmente era arretrata di almeno 40 metri ma l’erosione ne ha retrocesso l’entrata. L’interno della caverna è troppo profondo per pensare che un incendio sia stato la causa dei resti bruciati. 

 



Fonte: hareetz.com

Continua la lettura con: La CASA più ANTICA di MILANO

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteSiamo ancora parte della natura?
Articolo successivo🛑 I PINGUINI di PAO vanno a SCUOLA
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.