L’ “HOTEL DELLA SVENTURA”: in 30 anni non ha mai avuto un ospite

Supera di qualche metro la Tour Eiffel ed è un hotel con una storia un po’ complicata: non ha mai avuto neanche un ospite

Credits: north-korea-travel.com Ryugyong hotel

Supera di qualche metro la Tour Eiffel ed è un hotel con una storia un po’ complicata: nessuno è mai riuscito a finire la sua costruzione. Se quindi sarebbe potuto essere l’edificio adibito ad hotel più alto del mondo, il Ryugyong Hotel, così si chiama, diventa l’albergo che non ha mai avuto neanche un ospite.

L’ “HOTEL DELLA SVENTURA”: in 30 anni non ha mai avuto un ospite

# Più di 3000 persone di capienza, ma 0 ospiti

Credits: north-korea-travel.com
Ryugyong hotel

Il Ryugyong Hotel, dalla forma piramidale, è alto ben 330 metri e ha 105 piani. Con 5 ristoranti panoramici e varie piattaforme d’osservazione, sarebbe dovuto essere un hotel che avrebbe accolto 3 000 persone, invece ne ha ospitate zero. L’edificio ricorda una montagna, simbolo della nascita dell’imperatore del tempo, Kim-II-Sung. Dai cittadini nordcoreani è chiamato “hotel della sventura”, anche perché la sua costruzione è iniziata più di 30 anni fa e non si è ancora conclusa, sempre se si riuscirà a finire.


# Hanno iniziato a costruirlo nel 1987

Credits: rivistastudio.com
interno Ryugyong hotel

In piena guerra fredda, nell’88 in Corea del Sud ci furono le Olimpiadi estive e in quella del Nord il Festival Mondiale della Gioventù e degli Studenti, una giornata di propaganda sovietica. Per poter ospitare le persone che sarebbero venute a questi eventi, in Corea del Nord, l’anno prima, si decise di realizzare un hotel particolarmente grande. Grazie ai fondi sovietici, inizia la costruzione del Ryugyong Hotel, ma non lo si riesce a concludere entro il Festival, i lavori vengono rimandati e l’hotel rimase un blocco di cemento dalla forma piramidale.

Da qui inizi la lunga storia dell’edificio. L’URSS crolla e spariscono anche i fondi, lasciando l’hotel incompiuto fino al 2008, anno in cui una compagnia egiziana decise di inserire le lastre di vetro perimetrali e continuare i lavori. La costruzione viene ancora abbandonata fino al 2012, quando una compagnia tedesca avrebbe dovuto prendere in gestione l’hotel. Per divergenze politiche, gli accordi non sono andati a buon fine e il Ryugyong Hotel è rimasto ancora incompleto. Quello che stupisce è che, in tutti questi anni, non si è mai riusciti a sistemare l’interno: ancora vuoto e polveroso.

# L’hotel nella campagna propagandistica della Corea del Nord

Credits: ilpost.it
Ryugyong hotel

L’hotel sarebbe potuto essere d’orgoglio per il governo nordcoreano, perché sarebbe stato l’edificio più alto della penisola coreana. Invece, il “disonore” dato dal fatto che la sua costruzione non è mai stata conclusa, ha fatto si che il governo nordcoreano abbia addirittura cancellato dalle mappe della Capitale il Ryugyong Hotel. Resisi conto che, forse, era un po’ difficile nascondere un edificio di 330 metri, hanno deciso di renderlo un mezzo di propaganda. Dal 2018, sulla facciata sono comparse luci LED che proiettano spettacoli, ma soprattutto passano programmi storici sulla nazione, slogan politici e immagini di missili. Gli ultimi piani propongono, invece, un’enorme bandiera nordcoreana.



Continua la lettura con: L’HOTEL più PICCOLO del MONDO

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.