“IL VILLAGGIO DEI RIBELLI”: il paesino svizzero dove non si è VACCINATO NESSUNO

Il "popolo gallico della pandemia", dove il 100% dei residenti ha scelto di non vaccinarsi. Ecco perché

Credits raffi.allegra IG - Alphatal

Esiste un paese in Europa dove non si è vaccinato nessuno. Zero. Nemmeno l’autobus itinerante che fa tappa negli angoli più remoti della Svizzera per vaccinare la popolazione è riuscito a convincerli. Ecco perché.

“IL VILLAGGIO DEI RIBELLI”: il paesino svizzero dove non si è VACCINATO NESSUNO

Estratto traduzione articolo “Alpthal, el pueblo suizo con 600 vecinos y ningún vacunado” di  Rosalía Sánchez per Abc.es


# Alpthal, il comune svizzero con il record di 100% di non vaccinati

Credits lirpae_ IG – Alphatal

Oltre 600 residenti, zero vaccinati. Da quando il vaccino è diventato disponibile nessuno degli abitanti di Alpthal si è vaccinato. Non solo: tutti si dicono orgogliosi della loro resistenza. Sono poco più di 600 i residenti di questo comune svizzero del cantone di Svitto a circa mille metri sul livello del mare, conosciuto fino a pochi giorni fa solo per la sua vista spettacolare sulle Alpi e per essere tra le località di uno dei percorsi europei del Camino de Santiago. Da quando la notizia ha iniziato si è diffusa gli svizzeri hanno soprannominato la gente del posto “i ribelli del coronavirus”. Nella confederazione elvetica è vaccinato completamente il 65% delle popolazione.

# “Torna da dove sei venuto. Non c’è bisogno di vaccini qui“. Il sindaco del paese ha mandato indietro l’autobus per vaccinare la popolazione 

I medici che abitualmente frequentano il paese assicurano di averlo consigliato, soprattutto ai pazienti a rischio e agli anziani, ma che non è servito a nulla. L’intera cittadina diffida a tal punto del vaccino che le autorità sanitarie l’hanno inserita nel programma di vaccinazione effettuato tramite autobus, trasformati in centri di vaccinazione su ruote e che vanno a vaccinare negli angoli più remoti del Paese. Ma non è servito a niente.

Quando l’autobus è arrivato in città, il sindaco Adelbert Inderbitzin è venuto in piazza e ha parlato a nome della gente del posto, con una frase breve ma forte: “Torna da dove sei venuto. Non c’è bisogno di vaccini qui.” Per il sindaco Inderbitzin una cosa è certa: chiunque voglia vaccinarsi può farlo nella vicina Einsiedeln. “L’autobus delle vaccinazioni si fermava nella nostra città e aspettava per ore senza che nessuno venisse a vederlo“, sosteneva il suo atteggiamento, “ho risparmiato loro più tempo di attesa perché sapevo che non sarebbe venuto nessuno“.



# “Chiunque voglia essere vaccinato lo ha già fatto e se non ci siamo vaccinati è perché non lo volevamo

Credits raffi.allegra IG – Alphatal

Un barista del paesino svizzero commenta la scelta del sindaco: “Milioni vengono sprecati in questa campagna di vaccinazione! È inutile che questo bus si avvicini a noi se abbiamo messo in chiaro che non vogliamo essere vaccinati“. Aggiungendo che: “Chiunque voglia essere vaccinato lo ha già fatto e se non siamo stati vaccinati è perché non lo volevamo“. I media sono accorsi sul posto, per scoprire la causa di tanta feroce resistenza e in seguito scrivendo del “popolo gallico della pandemia”, alludendo ai popolari Asterix e Obelix.

 

Estratto traduzione articolo “Alpthal, el pueblo suizo con 600 vecinos y ningún vacunado” di  Rosalía Sánchez per Abc.es

Altre fonti: Die radikalen Impfgegner vom Alpthal (der Spiegel), Alpthal, a povoação suíça com 600 moradores. Nenhum deles vacinado, Die Impf-Verweigerer von Alpthal: “Es gibt hier kein Bedürfnis nach Impfungen” (Focus Online)

Continua la lettura con: Lombardia. I VENTENNI si sono VACCINATI PIÙ degli ultra SETTANTENNI

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Così riparte l’Asst Sette Laghi. Il DG Bonelli: “Modello olocratico post emergenza”. Castiglioni: “Il futuro è della sala ibrida”

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente🛑 La PRIMA EUTANASIA in ITALIA: malato ottiene il suicidio assistito
Articolo successivoCorsari e Pirati
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

3 COMMENTI

  1. A dire il vero sui media svizzeri si parla solo del rifiuto di ospitare il camper, nessuna parola sul numero di vaccinati. La vostra fonte sarebbe? L’immaginazione? Sarei felice se ciò che scrivete fosse tutto vero ma come al solito la serietà lascia a desiderare.

    • Le rispondo io. Nell’articolo oltre alla traduzione dalla rivista spagnola ABC, ci sono altre fonti che danno la stessa notizia, tra cui Spiegel e Focus. Buona giornata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here