GREEN PASS in Francia: Macron in RETROMARCIA

Cosa cambia e cosa potrebbe cambiare rispetto al disegno di legge iniziale

Credits: sudouest.fr - Emmanuel Macron

Il Consiglio di Stato ridimensiona il Green Pass voluto dal presidente francese Macron, costretto a fare marcia indietro. Cosa cambia e cosa potrebbe cambiare rispetto al disegno di legge iniziale.

GREEN PASS in Francia: Macron in RETROMARCIA

# Il Consiglio di Stato ridimensiona il Green Pass voluto da Macron

Credits Clément Lanot TW – Proteste Francia 2

Oltre alle proteste nelle strade delle principali città francesi da parte di migliaia di persone, durante la festa nazionale del 14 luglio, e delle opposizioni, è arrivato il Consiglio di Stato a dare un duro colpo al Green Pass voluto da Macron. Entra in vigore ma in forma meno radicale e potenzialmente restrittiva per cittadini e titolari di esercizi rispetto alle iniziali aspettative: diverse parti del disegno legislativo sono state cassate ed è stato chiesto all’Eliseo di fare una parziale marcia indietro.


# Le nuove regole

credits: infoaut.org – Rivolte in Francia

Nello specifico sparisce l’obbligo di Green pass per l’accesso ai grandi centri commerciali, per la limitazione che imporrebbe ai cittadini nel poter acquistare beni e servizi di prima necessità. Nei cinema, nei musei e agli eventi il green pass è obbligatorio solo se si superano le 50 persone presenti. La linea che il presidente ha tentato di imporre pare sia già in via di ammorbidimento anche per quanto riguarda bar e ristoranti, con ristoratori e baristi che si lamentano di non avere l’autorità di improvvisarsi gendarmi, fare controlli, chiedere documenti d’identità e cacciare clienti sprovvisti di green pass.  Slitta al 30 settembre l’obbligo per la fascia 12-17 anni di esibire il Green Pass. Nel frattempo non si placano le proteste in tutta la Nazione.

# Ridotte le sanzioni per il mancato rispetto delle regole

L’altro aspetto del Green Pass rivisto al ribasso da parte del Consiglio di Stato riguarda le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle regole. Per i negozianti e gli esercenti che non rispetteranno i controlli, la multa di 45.00 euro è stata ridotta a 7.500, per le persone fisiche sprovvisti di Green Pass a 1.500 euro. Decade anche la possibilità di effettuare controlli di polizia lungo l’intero arco della giornata, e nemmeno dopo le 21, mentre resta la sanzione da 9mila euro per chi ne colleziona quattro in un mese. Un’ulteriore modifica riguarda le sanzioni nei confronti dei lavoratori che si rifiutano di vaccinarsi o di fornire il pass sanitario: non è più previsto il licenziamento ma la sospensione dello stipendio.

La proroga del pass è subordinata al ripristino dello stato di emergenza sanitaria, fino al 31 ottobre e il testo dovrà ancora passare il filtro del Consiglio costituzionale prima di diventare legge.



Continua a leggere con:  Francia: PROTESTE e MANIFESTAZIONI contro Macron per il GREEN PASS

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteCompletato il CONDOMINIO più ALTO dell’Unione Europea: ecco dove si trova
Articolo successivoIl prezzo della libertà
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.