È lei la CITTA’ più MISTERIOSA d’Europa: ecco perché

I 5 luoghi che la rendono la regina del mistero

Credits: falco (Pixabay)

I 5 luoghi che rendono questa città la regina del mistero in Europa.

È lei la CITTA’ più MISTERIOSA d’Europa: ecco perché

#1 Curtea Veche, uno dei posti più misteriosi e inquietanti di tutta Bucarest

Credits bisericidinromania IG – Curtea Veche

Tra i luoghi che contribuiscono a fare di Bucarest la città più misteriosa d’Europa c’è Curtea Veche. Realizzata nel Quattrocento, si trova nel centro storico di Bucarest e la sua storia si intreccia con quella di uno dei personaggi più temuti della storia: Vlad III, noto come Vlad l’Impalatore, ispirazione per l’opera letteraria “Il Conte Dracula” di Bram Stoker. Oggi dell’intero edificio rimangono solo alcune mura, archi, lapidi e una colonna corinzia a lato della basilica.

#2 Casa Vernescu, uno dei casinò più antichi e famosi della città “infestato” dagli spiriti dei giocatori sconfitti

Credits sorina_s_ – IG – Palace Casino at Casa Vernescu Bucharest

Inaugurato nel 1800, Casa Vernescu è uno dei casinò più antichi e famosi della città. Un tempo luogo di ritrovo prestigioso per i facoltosi giocatori d’azzardo, molti dei quali si suicidarono al suo interno dove aver dilapidato le proprie fortune. Molto frequentato ancora oggi, in tanti sono convinti di percepire la presenza degli spiriti dei giocatori sconfitti aggirarsi tra i tavoli da poker e roulette. 

#3 Lo “Stagno delle Streghe”, uno dei luoghi più mistici della Romania

Credits haunted world Fb – Stagno delle streghe

Nella Foresta Boldu-Creteasca, non lontano da Bucarest, c’è lo “Stagno delle Streghe”, uno dei luoghi più mistici di tutta la Romania. Ha un diametro di soli 5 metri e la leggenda narra che sia un luogo di ritrovo delle streghe per svolgere alcuni rituali durante alcuni giorni come quello di Sanziene, la celebrazione di mezza estate in Romania. La particolarità di questo lago è che non muta mai la forma, rimane sempre della stessa dimensione e profondità a prescindere dalla pioggia che cade e soprattutto sembra non proliferare al suo interno alcune forma di vita. Inoltre fu decapitato qui il conte Vlad III il cui fantasma pare vagare ancora nella notte.

#4 La Scuola Centrale, un istituto prestigioso negli anni teatro di fenomeni paranormali

Credits scoalacentrala IG – Scuola Centrale Bucarest

La Scuola Centrale, un istituto prestigio inaugurato nel 1800, è stato teatro negli anni di fenomeni paranormali e terrificanti. Le studentesse hanno raccontato di avere visto oggetti levitare, porte e finestre sbattere da sole, raffiche casuali di vento freddo e urla rumorose dal seminterrato apparentemente vuoto. Per aggiungere mistero, ci sono molte porte e corridoi che sono stati murati e chiusi.

#5 Piazza della Rivoluzione, luogo dell’ultima apparizione di Ceausescu prima della fucilazione

Credits patrut_alexandru IG – Piazza della Rivoluzione monumento ai caduti

In Piazza della Rivoluzione un monumento ricorda le 1.058 vittime cadute durante i violenti disordini civili della Rivoluzione Rumena. La piazza fu anche il luogo è anche il luogo dell’ultima apparizione pubblica di Ceaușescu, prima di essere giustiziato da un plotone di esecuzione dell’esercito. 

Fonte: SiViaggia

Continua la lettura con: VENISIA: la città più antica del FUTURO

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: La flotta fantasma cinese rischia di paralizzare il mercato globale delle merci

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.